Partito di Alternativa Comunista

Giù le mani dagli antifascisti: Ilaria Salis libera subito!

Giù le mani dagli antifascisti: Ilaria Salis libera subito!

 

 

 

Nota della redazione web

 

 

Ilaria Salis fu arrestata un anno fa in Ungheria perché ritenuta coinvolta in una colluttazione con loschi figuri neonazisti in Ungheria, durante una parata nazionalista, animata da facinorosi neofascisti (1). La polizia era schierata a protezione della parata e ha catturato Ilaria nei tafferugli innescati dalla provocatoria iniziativa, gradita al governo di estrema destra ungherese, che agita contro la classe operaia lo spauracchio delle bande organizzate di paramilitari neofascisti.
La repressione borghese non si è fatta attendere. Gli apparati di polizia e giudiziari, di concerto, hanno addossato un’accusa grottesca all’attivista antifascista, quella di «lesioni potenzialmente mortali», a fronte di una prognosi di 5 e 7 giorni lamentata dai due neonazisti, ottenuta chissà come. Da ciò la procura del tribunale ungherese chiede 11 anni di carcere. Da evidenziare che l’avvocato difensore protesta che, tra l’altro, non ci sono prove concrete dei fatti (surreali) contestati dai poliziotti contro Ilaria Salis.
Ilaria Salis viene esibita ai fotografi come un trofeo di caccia, incatenata mani e piedi, trascinata davanti ai giudici dalla polizia penitenziaria mediante un guinzaglio incatenato in vita. La sua detenzione è tormentata da insetti e topi (2).
Il governo ungherese agita queste minacciose conseguenze agli oppositori politici sia per ragioni interne, come monito alla classe operaia e lavoratrice che deve restare sottomessa, priva di orizzonti politici e in balia di squadre di picchiatori; sia per ragioni di vendetta estera, perché sembra che un coimputato sia riuscito a riparare in Italia.
In questi mesi di carcerazione disumana di Ilaria Salis il governo italiano di destra è rimasto sostanzialmente indifferente, nonostante le pressioni dei familiari e degli avvocati, che si stanno mobilitando quotidianamente su tutti i fronti per ottenere la scarcerazione dell’attivista antifascista. Solo in queste ore il ministro degli Affari Esteri Tajani ha convocato l’ambasciatore ungherese a Roma per chiarimenti.
L’antifascismo non è un reato ma un diritto e dovere delle classi oppresse. Esigiamo che sia rispettato il diritto a manifestare contro le provocazioni neofasciste. Occorre che scendano in piazza le masse lavoratrici per contrapporsi alle spinte reazionarie dei governi borghesi, espressione diretta dei capitalisti, che si trovano di fronte la crisi sociale, economica, culturale, ambientale e politica generata dal marcire di questa società fatta a loro immagine e somiglianza: contro cui non possono altro che contrapporre l’uso della forza, della repressione perché sono in un vicolo cieco.

Chiediamo libertà immediata per Ilaria Salis; e che cadano le grottesche accuse. Vogliamo il suo rientro in Italia, subito.

Chiediamo libertà immediata per tutti i detenuti politici che si oppongono al disastro e alla violenza del capitalismo.

 

Note

  1. https://www.ilfattoquotidiano.it/2024/01/29/ilaria-salis-ungheria-manette-tribunale-tajani-convoca-ambasciatore/7426325/

  2. https://www.open.online/2024/01/30/ilaria-salis-padre-carcere-ungheria-italia/

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 130

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac