Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bari Blocchi alla Bridgestone. PDF Stampa E-mail
marted 12 aprile 2016

Bari

Blocchi alla Bridgestone.

Ritirare subito i licenziamenti!

Il sostegno militante del Pdac alla lotta

 

 

di Michele Rizzi (*)

bridgestone bari 1

 

 

Seguiamo ormai da tre anni la vertenza in Bridgestone, multinazionale giapponese, leader mondiale nella produzione di pneumatici con l'unico stabilimento in Italia a Bari. Una vertenza nata da vari accordi sciagurati, firmati da sindacati confederali e dalle Istituzioni, che hanno previsto licenziamenti e incentivi all'esodo dal lavoro, oltre a cospicui finanziamenti pubblici per il padronato.

Dai referendum di fabbrica nella scorsa estate, da noi sostenuti per dire No agli accordi (uno vinto e l'altro perso di misura), con la creazione del Comitato per il NO, diventato poi Comitato dei lavoratori in lotta Bridgestone, fino alla cacciata di una cinquantina di lavoratori dalla fabbrica venerdì scorso che ci ha portato ad organizzare la mobilitazione per la giornata di lunedì 11.
Una giornata intensa che è partita con un presidio davanti alla multinazionale, con un incatenamento dei lavoratori licenziati (letteralmente sbattuti fuori il venerdì come "soggetti indesiderati" ed esuberi, tra cui alcuni Rsu di un sindacato aziendale che non aveva accettato i licenziamenti), un blocco stradale nella zona industriale di Bari che ha mandato in tilt il traffico e poi il picchetto davanti all'entrata che ha bloccato l'inizio del secondo turno lavorativo, bloccando l'entrata dei lavoratori.
Di fatti, abbiamo proclamato noi lo sciopero, bloccando l'entrata dei lavoratori e bloccando la produzione per l'intera giornata.
I sindacati confederali, firmatari degli accordi vergogna, sono stati contestati duramente quando si sono presentati ai cancelli chiedendo di lasciar passare i lavoratori del secondo turno. A loro è stato chiesto di proclamare lo sciopero contro i licenziamenti (di fatti contro gli accordi che loro stessi avevano firmato), cosa che non ritenevano di fare.

Dopo ore di blocco davanti ai cancelli, le Rsu dei sindacati confederali, sono state costrette a proclamare lo sciopero per due giorni, sancendo la prima vittoria parziale della mobilitazione che prosegue ancora adesso con il blocco ai cancelli.

La direzione della Bridgestone, una delle multinazionali più importanti al mondo, è stata tenuta sotto scacco, colpita dal punto di vista economico con il blocco della produzione e dal punto di vista mediatico, vista l'eco che ha avuto sui mass media.

Adesso proseguiremo la lotta con nuove mobilitazioni e nuove forme di lotta, fino al ritiro dei licenziamenti, perché la Bridgestone è dei lavoratori e non di una cricca di capitalisti senza scrupoli che vengono qui a sfruttare e a licenziare, trovando politici borghesi compiacenti e dopo aver sfruttato ricchi finanziamenti pubblici oltre ad agevolazioni fiscali e contributive.

 

(*) coordinamento Pdac Puglia

 

 

bridgestone bari 3

 

 

 

bridgestone bari 2jpg

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 14 NOVEMBRE

  ASSEMBLEA PUBBLICA

SULLE LOTTE NEL MONDO

APERTA A TUTTI 


 

campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n87
      progetto87
NEWS Trotskismo Oggi n15
 
 
troskismo_15
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.