Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

I padroni ringraziano! PDF Stampa E-mail
mercoledž 01 ottobre 2008

Expo a Milano

I padroni ringraziano!

 

Marco Carraro*

 

E’ una acclamazione trasversale quella che il mondo politico ha rivolto al risultato di Milano.

"Si tratta di una grandissima opportunità per lo sviluppo economico, infrastrutturale e culturale non solo per l'area metropolitana di Milano e per la Regione Lombardia ma per tutto il paese. Le ricadute in termini di Pil saranno progressive e strutturali, con benefici per tutti", si affannano a promettere tutti gli schieramenti politici ed economici, sindacati e imprenditori compresi. Al di là della retorica dei buoni propositi e delle pompose dichiarazioni di pura immagine, non è difficile scoprire che l’invenzione dell’Esposizione Internazionale risponde in realtà essenzialmente a interessi e affari privati, ben poco solenni e per nulla vantaggiosi per le masse popolari. Un grande evento affaristico-commerciale per pochi protagonisti, che ogni cinque anni si tiene su decisione di organismi internazionali. Come per la Tav, ancora una volta grandi progetti e grandi opere vengono portati avanti senza chiedere nulla ai milioni di uomini e donne coinvolti dalle loro conseguenze, mentre viene rigorosamene curato il beneficio di pochi soggetti economici in grado di trarne profitti e benefici a lunga distanza.

 

Una "grande opportunità" per la borghesia milanese

 

La candidatura di Milano e dell’Italia all’Expo 2015 svela l’autentico ruolo della politica borghese: amministrare e favorire gli interessi dei potentati economici, della speculazione e dei grandi interessi privati. L’Expo diventa così pretesto per la spartizione di decine di miliardi di euro (si vocifera più di 34 mld, in business vari), confermando quel connubio tra affari e potere che a Milano produce quartieri esclusivi, abitazioni di lusso, centri commerciali e operazioni immobiliari di speculazione varia: Ente Fiera, Camera di Commercio, LegaCoop, Compagnia delle Opere, gruppi della Grande Distribuzione, Ligresti, Cabassi, Pirelli, Zunino, Caltagirone, tutte le grandi banche, Assolombarda, ognuno coinvolto a vario titolo nell’operazione Expo. La solita mappa del potere cittadino, la vecchia strategia di predazione, con la città sullo sfondo, trasformata in territorio da razziare, devastare, ridurre a solo profitto finanziario.

Naturalmente chi ha proposto l’evento, continua a presentare l’Expo come una grande "opportunità" di sviluppo per il territorio, una grande prospettiva occupazionale, un momento propizio per il bene della città e dei suoi abitanti.

Vediamoli dunque i numeri di queste “opportunità”:

1) L’area coinvolta dal progetto è situata al centro di una zona già congestionata, densamente popolata e ad alto tasso di inquinamento. Un territorio già massacrato dai lavori per la nuova Fiera e per il complesso della viabilità circostante, composta da 3 autostrade (Milano-Torino, Milano-Varese, Tangenziale Ovest), dall’Alta Velocità, dalla s.s. 33 del Sempione, da aree industriali dismesse e da aree abitate contese tra Milano, Pero e Bollate, che meriterebbero interventi di riqualificazione, non certo 10 anni di cantieri, 6 mesi di Expo, e alla fine una bella speculazione edilizia a vantaggio di pochi immobiliaristi, con terreni la cui destinazione d’uso è stata come per magia cambiata per ospitare strutture residenziali, commerciali, uffici per classi sociali che non sono certo bisognose.

2) L’accordo tra Ente Fiera, Cabassi e Comune di Milano, siglato il 19 luglio 2007, definisce i termini per l’uso e la trasformazione del territorio. Il Gruppo Cabassi e l’Ente Fiera hanno ceduto il diritto di costruzione al Comune di Milano per l’intera area (due milioni di metri quadri) ed in cambio, hanno ottenuto la nuova destinazione d’uso. E’ previsto che la costruzione e la demolizione dell’Expo sarà a spese del Comune. L’accordo prevede che il diritto di superficie concesso al Comune si estingua dopo l’Expo e che le aree tornino ai privati, finalmente edificabili. L’indice di edificabilità concesso è ricco e non risultano vincoli futuri per le proprietà. Interventi pesanti, che muteranno per sempre il carattere sociale, culturale ed economico della città.

3) 1.700.000 mq di superficie, attualmente a destinazione agricola e verde pubblico verranno destinati alla costruzione dei padiglioni espositivi.

4) 2.100.000 mq di superficie, area ex-Alfa Romeo di Arese, sulla quale i lavoratori da anni stanno combattendo una battaglia per la riqualificazione produttiva ed il rilancio occupazionale, verranno destinati a possibili strutture di servizio e supporto all’Expo.

5) Centinaia di opere ricettive per un fabbisogno stimato di 124.000 posti letto al giorno, opere per la mobilità per far viaggiare i 160.000 visitatori al giorno previsti e le merci del caso, parcheggi presso il sito Expo e in corrispondenza di nuovi centri di interscambio, realizzazione della stazione Tav presso la Fiera, realizzazione di 3 nuove autostrade, più di 4 miliardi di Euro di costi diretti per realizzare il sito dell’Expo e tutto ciò che serve all’evento (di cui 1,400 milioni di denaro pubblico).

6) Nessuna garanzia sulle ricadute occupazionali, nessun vincolo agli imprenditori sulle modalità contrattuali relative alla mano d’opera, nessuna restrizione alle norme di sicurezza e controllo antinfortunistico (ricordiamo che per i cantieri di Italia ’90 sono morti 25 lavoratori con il seguito di un centinaio di infortuni gravi).

7) Milioni di metri cubi di cemento.

8) Miliardi di euro sottratti ai salari ed ai bisogni reali dei cittadini.

Quali interessi popolari vengono coinvolti? Quali vantaggi per i proletari della periferia milanese? Quale sviluppo per questa città?

 

Energia e capitalismo

 

Infine, non possiamo evitare di esprimerci sul tema scelto per l’Expo: "Nutrire il pianeta - Energia per la vita". Con questo dalla tragedia passiamo alla farsa e completiamo la fotografia di questa indegna classe dirigente. Come è possibile sopportare l’ipocrisia di chi crede che il Nord del mondo, proprio lo stesso che ha fondato e continua a fondare la sua ricchezza sullo sfruttamento del Sud, voglia nutrire generosamente tutto il pianeta? Dopo il fallimento delle politiche di tutte le organizzazioni internazionali, Fao, Fmi, Banca Mondiale, Wto, Onu come è ancora possibile sostenere che il modello capitalista rappresenti la soluzione da esportare e non l’origine del problema?

Secondo il rapporto 2006 dell’Undp ( dati riferiti al 2005, oggi in aumento), 2.5 miliardi di persone (il 40%della popolazione mondiale) vivono con meno di 2 $ al giorno, circa 1 miliardo con meno di 1 $, 800 milioni di persone soffrono di fame e malnutrizione, 1.1 miliardi non hanno accesso all’acqua potabile, ogni ora 1200 bambini muoiono di malattie curabili. In Italia la speranza di vita femminile è più di 80 anni, in molti Paesi africani non arriva a 40 anni.Fame e degrado, lutto e miseria: questi sono i risultati del libero mercato per l’80% della popolazione mondiale. L’unica possibilità di sviluppo concreto per i paesi poveri passa attraverso la sconfitta ed il superamento del capitalismo, altre strade non esistono.

E' proprio in quest’ottica che, come compagni della Sezione di Milano, interverremo nelle lotte con rivendicazioni che antepongano i bisogni e le necessità della collettività agli interessi dell’economia di mercato, la pianificazione dello sviluppo al saccheggio delle risorse. Occorre lavorare per costruire una piattaforma di mobilitazione vasta e determinata, a partire dai territori coinvolti, capace di sviluppare iniziative di controinformazione e boicottaggio in opposizione alle scellerate mire dei padroni della città, nella consapevolezza che queste tragiche scelte hanno un prezzo e prima o poi coloro che le hanno imposte dovranno pagarne il conto!

 

*Coordinatore sezione milanese del PdAC

 

 

 

 

 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

MILANO 27 APRILE
milano_13

 

BORGO S.GIACOMO (BS) 22 MARZO

 PRESENTAZIONE RIVISA

TROTSKISMO OGGI 

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n80
      progetto80
NEWS Trotskismo Oggi n13
 
  troskismo_oggi_13


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.