Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

No a ogni forma di razzismo! No a Forza Nuova e a vermi simili! PDF Stampa E-mail
mercoledì 04 dicembre 2013

No a ogni forma di razzismo!

No a Forza Nuova e a vermi simili!

 

 

di Pdac Agrigento

 

 

Apprendiamo con sdegno il vile gesto che nel cuore della notte tra il 29 e 30 novembre, presso il museo civico di San Nicola ad Agrigento, è stato realizzato da Forza Nuova.
Con questa ennesima dimostrazione, figlia della più grande forma d’ignoranza che è il razzismo, Forza Nuova si conferma degna erede di quel fascismo che non solo in Italia, ma nel mondo, è sinonimo di odio, terrore e vergogna.
Forza Nuova ha lasciato nei pressi del museo civico tre fantocci macchiati di vernice rossa, a simboleggiare il sangue. Accanto ai manichini appaiono dei volantini che inneggiano contro l’immigrazione, e alle dimissioni del ministro Kyenge, attaccata non perché faccia parte di un governo al servizio dei poteri forti, ma perché sarebbe responsabile della "distruzione del tessuto etnico e culturale italiano"
In una nota stampa i neofascisti dichiarano che questo blitz è contro il conferimento del “Premio Telamone per la pace 2013” al ministro Kyenge. Con questo gesto, continua Forza Nuova, “vogliamo riaffermare il pericolo in cui si troverebbero gli italiani qualora venisse applicato lo ius soli, battaglia che il ministro sta portando avanti dalla sua entrata in carica con l'intenzione di distruggere l'identità etnica e culturale italiana”.
Le parole di questi neo-fascisti si commentano da sole, da parte nostra affermiamo che a costituire un pericolo per il nostro Paese sono semmai le loro squallide dimostrazioni di violenza e di razzismo.
Ricordiamo che giorni addietro Forza Nuova ha indetto una giornata di solidarietà verso i camerati greci di Alba D’orata, gruppo neo-nazista che in diverse occasioni ha dato prova della sua crudeltà, arrivando perfino a uccidere militanti anti-fascisti e immigrati.

La nostra solidarietà va ai fratelli migranti, che da ogni parte del mondo arrivano in Italia per cercare pace e libertà, e un lavoro che li riscatti da fame e miseria. La stessa fame e la stessa miseria che anche i nostri nonni hanno cercato di abbandonare, partendo per cercare fortuna in Germania, in America e Argentina, odissea che continua tutt’oggi data la crisi che investe il nostro Paese. A rendere ancora più orrendo il tutto è il fatto che il blitz avviene dopo poche settimane dalla tragedia di Lampedusa che ha visto morire centinaia di migranti. I neofascisti di forza nuova, privi di ogni senso del pudore, dopo aver vomitato odio e xenofobia e dopo essersi richiamati al cristianesimo (!), scrivono nel loro volantino che l'immigrazione "genera soltanto violenza e morte nei confronti degli italiani" !

Il Partito di Alternativa Comunista continua la sua lotta, che lo vede impegnato in prima linea in Sicilia e non solo a fianco dei migranti, e che lo vede legato ad Agrigento in un vincolo fraterno con la comunità senegalese in lotta contro lo stato borghese e le sue leggi razziste. Leggi, varate in questi anni sia dal centrodestra che dl centrosinistra, che non consentono una veloce e semplificata integrazione dentro il tessuto sociale, e che riservano spesso ai migranti il destino dell'emarginazione o della reclusione in vere e proprie prigioni.
Il Partito di Alternativa Comunista con l’occasione ricorda che giorno 10 Dicembre, in occasione della giornata mondiale dei diritti umani e della giornata di mobilitazione nazionale in solidarietà con i migranti promossa dal Coordinamento delle lotte No Austerity, scenderà in piazza in diverse città italiane fra cui – in Sicilia – a Caltanissetta.
Per ricordare che la lotta contro l’austerità e il capitale non è la battaglia delle masse oppresse di un singolo Paese
E che la vittoria può avvenire solo con il coordinamento di tutte le lotte e con l’unione dei lavoratori, senza distinzione di etnia o di qualsiasi altro tipo, intorno a una piattaforma radicalmente anticapitalista. In nome dell’internazionalismo socialista, portiamo avanti la lotta per la liberazione delle classi oppresse di tutto il mondo.

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

Speciale elezioni Cremona

  Casellari giudiziari

candidati alle elezioni di Cremona

 

Curriculum vitae 

candidati alle elezioni di Cremona

CREMONA dal 4 al 7 luglio

  FESTA REGIONALE DI

ALTERNATIVA COMUNISTA

 

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n84
      progetto_comunista_84
NEWS Trotskismo Oggi n14
 
 
troskismo_14
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.