Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Lecce In lotta contro i licenziamenti PDF Stampa E-mail
venerdì 11 maggio 2012

Lecce

In lotta contro i licenziamenti

Intervista agli operai della Pista di Nardò

 

 

a cura del Pdac di Lecce

Marcello Scialpi, Rsu Cobas della Pista di Nardò, ci descrivi i motivi della vostra lotta?

Le motivazioni della nostra lotta stanno nel fatto che circa 60 persone e di conseguenza 60 famiglie, senza una motivazione valida o magari nascondendosi dietro una crisi aziendale rimagono senza lavoro, con la Ntc che interrompe le lavorazioni in subappalto di due cooperative a nostro giudizio interfaccia dell'azienda stessa.
Parliamo di "nascondersi dietro la crisi" perché la Ntc non è un azienda di produzione ma di sperimentazione e collaudo di vetture. I lavoratori hanno collaudato auto sulla pista per circa dieci anni, con duri sacrifici e rischi pagati da vero e proprio caporalato a circa 4 euro senza maggiorazioni di festivi e di notturni!

Come è stata sviluppata la vostra lotta e quali forme di mobilitazione avete utilizzato?

La nostra lotta è stata sviluppata inizialmente attraverso i sindacati confederali. Successivamente abbiamo visto quanto questa fosse fallimentare, basti pensare che in loro vi era gia contentezza per il raggiungimento degli ammortizzatori sociali (per noi, invece, anticamera dei veri e propri licenziamenti). Dopo di che ci siamo rivolti ai Cobas che si sono affiancati al comitato di lotta operaio ed hanno fatta propria la nostra vertenza, attuando così tutto quello che c'era da fare ai presidi per farci sentire alla carta stampata e non per tenere sempre alta l'attenzione di questa triste e grottesca vicenda auspicando così un reinserimento immediato nonostante la sordità della politica e delle istituzioni.

Quali le responsabilità del governo regionale nella vostra vicenda?

Il governo regionale della Puglia (Vendola) lo riteniamo il maggior responsabile di questa vertenza proprio perche è stato il fautore di vari stanziamenti di soldi pubblici al padronato che poi ci ha licenziato. Tra l'altro, tutte le volte che è stato chiamato in causa si è sempre defilato non prendendo mai di petto questa situazione per tentare una soluzione. Così è stato anche per le altre vertenze operaie nel Salento, come Adelchi, Bat tabacchi e tante altre. Infatti, queste sono ancora rimaste sempre e solo vertenze senza risoluzione. I politici di centrodestra e centrosinistra, da Frisullo alla Capone, passando per Vendola, sono personaggi che sanno solo divulgare chiacchiere e mettersi la fascia tricolore per tagliare nastri e seguire processioni religiose, oltre che regalare soldi al padronato.

Qual'è stato il ruolo di Alternativa comunista nella vostra vertenza?

L unica ad essere al fianco nella nostra vertenza e stata Alternativa comunista perché non ha solo presenziato ai nostri presidi, ma ci ha messo anche la faccia difendendo alcuni lavoratori che sono stati pure querelati dai confederali per dichiarazioni dove si attaccavano i burocrati. Tra l'altro, Alternativa comunista ha avuto la forza di affermare che un'unica e sicuramente valida soluzione ci sarebbe e cioè quella di affidare l'azienda, la cui direzione padronale ha fatto man bassa di soldi pubblici, alla conduzione di questi lavoratori sfruttati e messi all angolo dopo 10 anni di sacrifici.

Alternativa comunista propone in Puglia una vertenza generale del mondo del lavoro che unifichi tutte le lotte anche nel Salento. Ritieni che possa servire all'unificazioni delle vertenze dei lavoratori?

L'idea di Alternativa comunista di accomunare tutte le vertenze del Salento e in più in generale in Puglia, è l'unica soluzione che possa rendere forti e dare voce a tutti questi lavoratori presi a schiaffi da aziende padronali e istituzioni compiacenti. Perché la vera forza si costruisce nelle lotte unitarie di tutti i lavoratori, per una vertenza generale del mondo del lavoro contro la crisi capitalista. Un fatto è certo: Alternativa comunista è nella nostra regione l'unico partito che sta nelle lotte di piazza ed è presente nei presidi e nelle manifestazioni dei lavoratori: non come quei politici che nella vertenza degli operai di Adelchi si son vestiti di tutto punto accompagnando i lavoratori a Roma al Ministero del lavoro per poi rientrare con un fallimento per i lavoratori e con una vittoria solo per istituzioni e padroni, consistita in una proroga dell'elemosina che chiamano "cassa integrazione".

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

Speciale elezioni Cremona

  Casellari giudiziari

candidati alle elezioni di Cremona

 

Curriculum vitae 

candidati alle elezioni di Cremona

CREMONA dal 4 al 7 luglio

  FESTA REGIONALE DI

ALTERNATIVA COMUNISTA

 

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n84
      progetto_comunista_84
NEWS Trotskismo Oggi n14
 
 
troskismo_14
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.