Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bologna: la protesta contro Monti PDF Stampa E-mail
domenica 17 giugno 2012

Bologna: la protesta contro Monti

Resoconto della sezione bolognese del Pdac

di Riccardo Stefano D'Ercole e Giovanni Bitetto*

 

Come è evincibile dai giornali di queste ultime ore che parlano dell’intervento di Monti all’Arena del sole in occasione del festival indetto da Repubblica ("La Repubblica delle Idee)", proprio a causa di questo intervento, i centri sociali e le forze di movimento e politiche della città capoluogo d’Emilia sono scesi in piazza nonostante il divieto di manifestazione, ordinanza del sindaco Merola. Ovviamente, noi della neonata sezione di Alternativa Comunista eravamo presenti sia nel presidio in via Indipendenza, che ha avuto inizio intorno alle 15, che nel corteo che è seguito.
Come al solito sottolineiamo una scissione fra i movimenti e le forze politiche di questa città e lo evinciamo dal fatto che due cortei e presidi separati hanno avuto luogo da un lato e dall’altro dei cordoni di polizia e carabinieri che delimitavano la “linea rossa”, tracciabile immaginariamente come congrua agli incroci con le vie proprio dove sorge l’Arena del sole. Le forze politiche presenti, a parte il Pdac, erano le seguenti: Collettivo universitario autonomo, il centro sociale Bartleby (che seguiva la stessa linea del C.u.a,), Collettivo Anarchico (posizionato in coda al corteo), qualche attivista della Cub, Usb (in numero maggiore ma pur sempre esiguo), qualche attivista del Pcl (con le bandiere in seconda linea, alla ricerca di visibilità mediatica). Nell’altro corteo erano presenti il Tpo, Rifondazione Comunista (in seconda linea). Sottolineiamo una compartecipazione eloquente tra Tpo (scaricato da Sel poiché considerato "troppo a sinistra") e Rifondazione comunista che a Bologna cerca un appoggio in questo centro sociale.
La giornata di lotta per noi del Pdac, che da poco abbiamo costituito una nuova sezione a Bologna, è stata senza dubbio positiva. Dotati di un volantino, bandiere, giornali e rivista teorica abbiamo acceso dei dibattiti con molte persone. Il materiale in nostro possesso è stato smistato e distribuito nella sua totalità. Con la presenza di ieri, portando le nostre parole d’ordine, tutte le forze presenti a Bologna adesso ci conoscono e sono coscienti della nostra presenza seppure esigua ma pur sempre preponderante nella prospettiva programmatica e di classe. (17/6/2012)

 

*della sezione di Bologna del Pdac

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

Speciale elezioni Cremona

  Casellari giudiziari

candidati alle elezioni di Cremona

 

Curriculum vitae 

candidati alle elezioni di Cremona

CREMONA 24 MAGGIO

  “CREMONA NON È UN OASI FELICE”

chiusura campagna elettorale 

maggio_cremona

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n82
      progetto82
NEWS Trotskismo Oggi n13
 
  troskismo_oggi_13


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.