Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Brasile Siamo tutti lavoratori della metro di San Paolo! PDF Stampa E-mail
mercoledì 11 giugno 2014
Brasile
Siamo tutti lavoratori
della metro di San Paolo!
 
 

 
 

 
sciopero metro brasile
 
(manifestazione a San Paolo in sostegno della lotta dei lavoratori della metro;
a destra Altino de Melo Prazeres, leader della lotta, dirigente del sindacato Conlutas e del Pstu)
 

 
Alla fine anche le televisioni e la stampa italiane sono state costrette a parlarne: le gigantesche mobilitazioni che sono iniziate a partire dal mese scorso in Brasile contro la Coppa del mondo delle multinazionali stanno ormai facendo il giro del mondo. Il governo Dilma pensava di poter usare il tifo calcistico per stendere un velo sulle enormi contraddizioni che vive il Brasile, aumentate ancor di più a causa delle spese folli per il Mondiale e che già si sono espresse nelle grandiose mobilitazioni del giugno 2013.
Possiamo dire già da ora che il governo di centrosinistra (preso a modello per anni da tutta la sinistra riformista) ha fatto male i conti. E le immagini del poderoso sciopero dei lavoratori della metro di San Paolo sono una delle molte conferme: dal 5 al 10 giugno questi lavoratori sono riusciti a paralizzare una delle più grandi metropoli del mondo, provocando un ingorgo stradale che ha raggiunto 209 chilometri di code, rivendicando aumenti salariali sostanziosi e rifiutando tutti gli accordi al ribasso che sono stati loro proposti.
Una lotta diretta dalla Csp-Conlutas, il più grande sindacato di base del continente con più di tre milioni di iscritti e in cui svolgono un ruolo di primo piano i nostri compagni del Pstu, il nostro partito fratello, sezione brasiliana della Lit-Quarta Internazionale, di cui il Pdac è sezione italiana. Altino De Melo Prazeres, il presidente del sindacato dei trasporti di San Paolo, che la stampa definisce "l'uomo che mette a rischio l'apertura dei mondiali", è infatti un dirigente del Pstu.
Questi lavoratori non sono soli: ci sono gli edili di Santos, gli operai della General Motors, i lavoratori della pulizia di Rio de Janeiro; da oltre un mese sono in sciopero gli insegnanti, preceduti dalle lotte dei lavoratori del settore petrolifero contro la privatizzazione della compagnia statale, poi diversi settori popolari e il movimento studentesco.
 
Tutti quanti contro il governo Dilma, contro la festa delle multinazionali che hanno accumulato milioni grazie all'organizzazione di questa Coppa del mondo a spese di migliaia di persone sfollate dai loro quartieri per far spazio agli stadi e sulla pelle di tanti operai e operaie sfruttate.
Tutti questi settori in lotta, riuniti nello Spazio di unità di azione, di cui fanno parte Conlutas insieme ad altre organizzazioni, hanno lanciato una campagna per concentrare e unificare tutte le mobilitazioni intorno ai Mondiali, a partire dalla grande mobilitazione nazionale del 12 giugno, data di inaugurazione della Coppa.
Alternativa Comunista aderisce a questa campagna e fa appello in Italia a tutte le organizzazioni della sinistra conflittuale, politica e sindacale, a esprimere una solidarietà militante nei confronti dei lavoratori in lotta in Brasile: è fondamentale diffondere le notizie che i media censurano, organizzare azioni di solidarietà con questa mobilitazione, partecipare ad iniziative unitarie di lotta, come quella del 12 giugno sotto il consolato brasiliano a Milano, promossa da No Austerity, dal Si Cobas e da altre sigle politiche e sindacali, e a cui aderisce anche Alternativa comunista.
 
E' importante anche in Italia far risuonare il grido di battaglia Na Copa vai ter Luta!: durante la Coppa ci sarà la lotta!
 
 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

Speciale elezioni Cremona

  Casellari giudiziari

candidati alle elezioni di Cremona

 

Curriculum vitae 

candidati alle elezioni di Cremona

MODENA 12-13 OTTOBRE

  ASSEMBLEA PUBBLICA

NAZIONALE APERTA A TUTTI DEL

PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA

 

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n86
      progetto86
NEWS Trotskismo Oggi n14
 
 
troskismo_14
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.