Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Brasile Prima vittoria della piazza PDF Stampa E-mail
sabato 22 giugno 2013
Brasile
Prima vittoria della piazza
conquistata la riduzione delle tariffe a Rio e a San Paolo
 

 
Jeferson Choma
(Pstu, sezione brasiliana della Lit-Quarta Internazionale)

 
brasile vittoria
 
 
Pubblichiamo la traduzione di un articolo di un paio di giorni fa dei nostri compagni del Pstu (sezione brasiliana della Lit, di cui il Pdac è sezione italian), in prima fila nella lotta che sta infiammando cento città del Brasile. Intanto in queste ore le manifestazioni non si fermano: solo ieri più di un milione di manifestanti sono scesi in piazza.
Tradurremo altro materiale nei prossimi giorni, così come faremo con gli articoli che ci inviano i  nostri compagni di Red Movement, sezione turca della Lit, uno degli altri epicentri dell'ascesa della lotta di classe di questi giorni.
Chi volesse seguire costantemente gli sviluppi della lotta in Brasile può visitare il sito del Pstu a questo indirizzo http://www.pstu.org.br/  vi si trovano anche gallerie di foto, video, ecc.
 
La manifestazione nelle strade ha prodotto la sua prima grande vittoria. Il governatore di San Paolo, Geraldo Alckmin (Psdb), il prefetto di San Paolo, Fernando Haddad (Pt), e il prefetto di Rio de Janeiro, Eduardo Paes, (Pmdb), hanno annunciato la riduzione delle tariffe dei treni, dei metro e degli autobus all’inizio della sera di mercoledì 19 giugno.
Oltre all’abrogazione dell’aumento delle tariffe a Rio e San Paolo, dieci città hanno già annunciato la riduzione del prezzo degli autobus, sia attraverso il ritiro dell’aumento, sia con la riduzione dell’indice di adeguamento. L’aumento era già stato revocato a João Pessoa, Porto Alegre e Goiânia. È stato ridotto a Cuibá, Recife, Manaus, Natal e Victoria. Anche le città di Caxias do Sul e Foz do Iguaçu hanno annunciato la riduzione, oltre alla città di Campinas.
La ritirata del governo è storica! È stata il prodotto diretto delle grandi mobilitazioni realizzate dalle masse popolari negli ultimi giorni. Una prova incontestabile che solo scendendo nelle strade e nelle piazze è possibile strappare delle conquiste. Intanto, va rilevato che le misure annunciate, così come quelle di molte altre prefetture a livello nazionale, sono solamente una “sospensione”. Messi con le spalle al muro dalla mobilitazione nelle strade, i governi sono stati obbligati a fare un passo indietro, ma proveranno, in futuro, a ripristinare i prezzi dei biglietti.
Dall’altro lato, la lotta contro il furto nei trasporti continua. Le ruberie delle imprese private degli autobus sono una delle principali forme di finanziamento delle campagne elettorali dei partiti borghesi, come il Psdb, il Dem il Pmdb e il Psb. Attualmente, anche i partiti riformisti, come il Pt e il PcdoB, utilizzano questa fonte di finanziamento per le loro campagne. Come dice il vecchio adagio: chi paga l’orchestra sceglie la musica.
Le stesse imprese che “donano” somme generose sono le grandi beneficiarie delle “concessioni” per acquisti, opere e servizi sociali e pubblici, fatte ad ogni cambio di vertice nelle prefetture, nei governi statali e nel governo federale. Molte di queste imprese concessionarie sono, inoltre, di proprietà di politici corrotti, o di parenti o amici.
Per questo il Pstu difende la nazionalizzazione del trasporto pubblico e la gratuità dei biglietti. Questo provvedimento è tutt’altro che un’utopia, era stato discusso anche nel Pt anni fa, quando Erundina era prefetto di San Paolo, ma non venne approvato e finì nel dimenticatoio. Il prezzo dei biglietti doveva essere sovvenzionato dal progressivo aumento delle tasse sui più ricchi.
 
Scendiamo in piazza il 20 giugno!
La revoca dell’aumento delle tariffe, in queste città, è stato solo l’inizio. È necessario ora continuare le mobilitazioni nelle città dove le tariffe non sono state diminuite. Il giorno 20 giugno, giovedì, ci sarà una giornata nazionale di protesta in tutto il Paese. Scendiamo nelle strade per celebrare questa grande vittoria! Però è necessario continuare a lottare nelle strade per strappare altre rivendicazioni. Alla fine, come recita lo slogan che ha conquistato le strade, “Hanno i soldi per la Coppa ma non per la sanità e l’istruzione!”.
In Brasile, ciò che viene messo in discussione nelle strade non è solo la riduzione di alcuni centesimi nei biglietti degli autobus, ma l’aumento generale del costo della vita, la spesa pubblica per la Coppa del Mondo, i partenariati pubblico-privato e il degrado dei servizi pubblici per la sanità e l’istruzione. È necessario lottare contro i vigliacchi sfratti di abitanti poveri per fare spazio alle opere per i giochi! È necessario porre fine alla repressione e smantellare la “Tropa de Choque”! (il reparto speciale della polizia utilizzato per reprimere le manifestazioni, ndt). Libertà per tutti i detenuti politici della repressione del PsdB e del Pt e la fine di tutti i processi! Chi lotta non è un criminale!
Però è anche necessario identificare i responsabili per l’attuale stato di cose del Paese. Il rallentamento dell’economia comincia già a manifestarsi, tra le altre cose, con l’inflazione, che sta erodendo il potere d’acquisto dei salari, di per sé già bassi. Oltretutto, l’indebitamento esplode tra le famiglie e, d’altra parte, i giovani, che sono maggioranza nelle proteste anche al di fuori del Paese, percepiscono che non ci sono più prospettive per il futuro di fronte a questa realtà.
La risposta del governo di Dilma al rallentamento dell’economia è: abbassamento dei salari. Inoltre mira a espandere il cosiddetto “avanzo primario”, che significa più tagli al bilancio per la sanità e l’istruzione.
Per tutto questo la lotta deve continuare. Questa è stata, solamente, la prima vittoria!
 
(19 giugno)

(traduzione di Matteo Bavassano)
 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

Speciale elezioni Cremona

  Casellari giudiziari

candidati alle elezioni di Cremona

 

Curriculum vitae 

candidati alle elezioni di Cremona

MODENA 12-13 OTTOBRE

  ASSEMBLEA PUBBLICA

NAZIONALE APERTA A TUTTI DEL

PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA

 

BARI 20 Marzo
 
presentazionedella rivista 
  trotskismo oggi
bari_20_marzo
 
 
 
 
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n86
      progetto86
NEWS Trotskismo Oggi n14
 
 
troskismo_14
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.