Brasile Gli operai della Embraer entrano in sciopero
luned́ 30 settembre 2019
Brasile
Gli operai della Embraer entrano in sciopero


di Jorge Mendoza

Durante un'assemblea tenutasi questa mattina, i lavoratori dell'Embraer a São José dos Campos (SP) hanno deciso di scioperare ad oltranza. Tra le rivendicazioni della categoria vi è il reale aumento dei salari, il mantenimento dei diritti di contrattazione collettiva e la stabilità del lavoro.
La società ha cercato di infrangere la clausola che garantisce la stabilità lavorativa per gli infortunati e le nuove assunzioni, inoltre preme per inserire nel nuovo accordo collettivo la possibilità di "esternalizzare in situazioni straordinarie". La misura è semplicemente una trappola per precarizzare il lavoro e ridurre i salari. Inoltre, minaccia il diritto di sciopero e negoziazione dei lavoratori, dando la possibilità di assumere lavoratori terziarizzati per interrompere lo sciopero.
Per Carlos Prates, "Mancha", la lotta deve essere unificata con altre fabbriche e con altre categorie che insieme devono affrontare gli attacchi da parte dei padroni e del governo di Bolsonaro. “Lui è negli Stati Uniti dopo aver lasciato bruciare l'Amazzonia nel tentativo di demagogia al Summit sul clima. Lì ora anche i lavoratori della GM sono in sciopero! Per garantire i propri diritti i lavoratori devono lottare per la restatizzazione dell’impresa. È tempo di unificare le lotte con altre categorie in difficoltà, come i petrolieri o i postali, in lotta contro la privatizzazione. Anche gli impianti di Embraer ad Araraquara e Botucatu dirette da Cut e Força Sindical dovrebbero fermarsi. Adesso è il momento! Pieno appoggio per i lavoratori Embraer”.

Fine della sovranità
Non è da oggi che Embraer punta alla privatizzazione. I lavoratori di Sao Jose dos Campos, dallo scorso anno, stanno portando avanti una campagna contro l’entrata, nella società nazionale, di Boeing dagli Stati Uniti. A dicembre la trattativa è stata sospesa dal tribunale.
Questo perché il progetto Bolsonaro-Mourão-Guedes è la completa sottomissione del Paese agli interessi dell'imperialismo, facendoci regredire a semplice colonia. L'elenco delle privatizzazioni di Guedes include anche Correios (Poste), parte di Petrobras, Eletrobras, EBC e altri. Inoltre, vogliono anche consegnare l'Amazzonia all'industria agroalimentare e trasformarla in pascolo, da qui gli incendi criminosi nella regione dall'inizio dell'anno.
La lotta dei lavoratori di Embraer fa parte della lotta contro il progetto di ricolonizzazione di Bolsonaro-Mourão e Guedes. Ma per sconfiggerlo ci vuole unità. Come abbiamo affermato nel nostro ultimo editoriale: “È necessario e possibile unire pesanti battaglioni della classe operaia, come petrolieri, lavoratori postali e delle università, unire parte dei metalmeccanici nelle campagne salariali, inoltre unire gli indigeni, le quilombole (discendenti degli schiavi) e altri settori. Uno sciopero unificato e le manifestazioni in strada possono mettere questo governo in crisi e impedire la privatizzazione di Petrobras e delle Poste e salvare le università."
(24/09/19)

Articolo pubblicato su https://www.pstu.org.br/
Traduzione italiana a cura di Daniele Cofani (operaio Alitalia)