Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Amazon: scioperi in tutta Europa PDF Stampa E-mail
martedž 17 aprile 2018

 

Amazon: scioperi in tutta Europa



di Massimiliano Dancelli

Il settore degli acquisti on line sta prendendo sempre più piede e la conseguente crescita della richiesta induce le aziende, mosse dall’unico fine del profitto, a pretendere dai propri dipendenti ritmi di lavoro impossibili che li espongono a rischi sempre maggiori in termini di salute e sicurezza. La necessità di lavorare sette giorni su sette, festività incluse, con turni anche notturni, contribuisce a peggiorare enormemente la qualità della vita di questi lavoratori. Inoltre, l’aumento della domanda nei periodi festivi, come per esempio il Natale, fa sì che queste aziende ricorrano a parecchia manodopera precaria, e quindi maggiormente ricattabile, favorendo l’applicazione di importanti ribassi salariali che poi si ripercuotono sulle rivendicazioni degli altri lavoratori con contratto a tempo indeterminato. In questo modo, gli imprenditori del settore riescono a sfruttare al massimo le proprie maestranze realizzando enormi profitti: Jeff Bezos, il patron di Amazon è uno degli uomini più ricchi del mondo con un patrimonio stimato in 100 miliardi di dollari. Ma negli ultimi mesi questi lavoratori hanno deciso di cominciare a far sentire la propria voce.

 

Grandi proteste in Europa

Il 24 novembre del 2017 i lavoratori Amazon, leader mondiale del settore dell’e-commerce, hanno deciso di scioperare durante il black-friday, il giorno degli sconti, in cui la richiesta dei clienti schizza alle stelle e il carico di lavoro raggiunge picchi insostenibili. La protesta è partita dal sito italiano di Castel S. Giovanni (PC) dove oltre il 50% dei lavoratori ha scioperato e oltre 200 di loro hanno presidiato i cancelli dello stabilimento scontrandosi con la pronta repressione della polizia borghese. I lavoratori tedeschi di Amazon, che già avevano scioperato nel 2015, hanno deciso di sostenere la protesta dei loro colleghi italiani incrociando le braccia in ben nove siti in Germania e altrettanto hanno fatto i lavoratori francesi e polacchi.
Seguendo questo esempio, il 21 e 22 marzo scorsi, i lavoratori del magazzino Amazon MAD4 di Madrid hanno scioperato con una adesione pari al 98% dopo che in assemblea avevano preso a larghissima maggioranza (il 75%) questa decisione in risposta al mancato accordo con l’azienda sul rinnovo del contratto (scaduto nel 2016). Secondo la legge spagnola, infatti, quando non si arriva ad un accordo tra le parti, si deve applicare il contratto immediatamente superiore che, nel caso specifico, sarebbe quello della logistica, con conseguente peggioramento delle indennità per lavoro notturno e minore copertura sul riconoscimento delle malattie professionali legate alla specifica attività del settore come il picking, ovvero lo smistamento pacchi, che obbliga i lavoratori a fare parecchi km durante il giorno, sollevare carichi e tenere la schiena costantemente piegata.

 

Coordinarsi a livello internazionale

Le richieste dei lavoratori che hanno messo in atto le proteste sono state sempre le stesse: riduzione dei ritmi di lavoro a tutela di salute e sicurezza, aumenti salariali che rendano le buste paga congrue con l’enorme mole di lavoro svolto, stabilizzazione di tutti i lavoratori precari, che sono migliaia, nei diversi siti di Amazon, porre fine agli abusi e alle minacce continue dei capi-reparto. La protesta dei lavoratori di questo settore, al pari di quella dei facchini della logistica, altro settore dove vige un sistema di iper sfruttamento, assume particolare importanza perché, finalmente, accende i riflettori su un sistema inumano, totalmente privo di tutele, che non è percepito da chi ordina i prodotti con la tastiera del pc. I lavoratori del sito spagnolo di Amazon hanno chiesto solidarietà e sostegno a tutti i lavoratori del mondo con un comunicato in cui invitavano, tra l’altro, a non fare ordini durante i giorni della protesta. Noi pensiamo che questa sia la strada da percorrere, bisogna creare un coordinamento europeo di tutti i lavoratori dell’e-commerce e della logistica (settori affini e spesso collegati) che ponga un freno a questa situazione insostenibile.

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 73
      prgetto73
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.