Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Honduras Contro la repressione, mobilitazione, organizzazione e lotta di classe! PDF Stampa E-mail
mercoledì 06 dicembre 2017

Honduras

Contro la repressione,

mobilitazione, organizzazione e lotta di classe!

 

 

 

Pst - Honduras (*)

Il regime di JOH (Juan Orlando Hernandez, presidente dell’Honduras, ndt) si sente estremamente minacciato dalle dimensioni e dalla partecipazione della lotta insurrezionale che si sta svolgendo spontaneamente nel paese. Ci sono già più di 50 città nel nostro paese che hanno svolto azioni che vanno dalle mobilitazioni e raduni di massa, ai tribunali stradali e all'organizzazione di barricate per impedire il transito delle forze repressive. La risposta del regime alla nostra legittima rivendicazione di popolo è stata un restringimento delle libertà democratiche, e della libera circolazione delle persone. Inoltre, è stato dichiarato lo stato di assedio che dura ormai da 10 giorni consecutivi, durante i quali vige un coprifuoco su tutto il territorio nazionale, tutti i giorni dalle 18:00 alle 6:00.

Questa politica ha lo scopo, da un lato di bloccare le azioni di lotta e dall’altro di costringerci a tornare nei posti di lavoro, dal momento che l’orario di libertà dal coprifuoco coincide perfettamente con l’orario lavorativo della maggioranza della popolazione.

 Da quando sono state imposte restrizioni alle libertà democratiche, la repressione si è intensificata e la situazione è divenuta sempre più drammatica: i detenuti e i feriti gravi sono già dozzine e la morte di almeno 5 persone è stata confermata, nelle città di Choloma e La Ceiba.

Il regime stà mostrando la sua faccia peggiore, facendo digerire col fuoco e le morti la sua frode elettorale tanto contestata dalla popolazione. Davanti a tutto questo dobbiamo dare una risposta di classe con le nostri armi migliori: l’organizzazione e la lotta. Noi del PST abbiamo proposto alla popolazione di approfittare del tempo libero dal coprifuoco per organizzare la lotta, stiamo tenendo assemblee nei nostri quartieri, colonie e villaggi per preparare nel modo più democratico le prossime azioni di protesta allo scopo di promuovere un grande sciopero generale nazionale insurrezionale. Se sapremo perseguire in maniera organizzata questa politica, riusciremo a far indietreggiare la repressione e riprenderci con la lotta le libertà che ci stanno negando. Ciò è stato fatto nel 2009 quando il coprifuoco non riuscì a limitare le azioni di lotta nei quartieri più organizzati. L'esperienza che abbiamo avuto la scorsa notte con i cacerolazos (manifestazione in cui le persone battono un cucchiaio sopra una pentola facendo molto fracasso ndt) è un ottimo esempio che dimostra che con una ribellione ben organizzata possiamo sconfiggere qualsiasi attacco che il regime vuole imporci.

Oltre a tutto questo, abbiamo anche bisogno della più ampia solidarietà internazionale per questa lotta. Dato lo stato di assedio che JOH ci impone, dobbiamo colpire questo governo a livello internazionale. Esortiamo tutte le organizzazioni solidali con il nostro popolo a svolgere azioni di pressione davanti a tutte le ambasciate honduregne nei rispettivi paesi, e invitare quei governi che sostengono di essere progressisti, o almeno democratici, a ritirare immediatamente il loro personale diplomatico chiudendo le rispettive ambasciate nel nostro paese.

Accerchiamo questo regime ora, nel nostro territorio e a livello internazionale. Ogni secondo che passa in questa situazione costa delle vite preziose alla nostra popolazione, quindi non c'è tempo da perdere.

 

Non un altro minuto con JOH al governo!

Giudicare e punire JOH e la sua banda!

Abbasso lo stato d’assedio ed ogni tipo di repressione!

Nessuna fiducia nel Tribunale Elettorale e negli osservatori internazionali!

Sciopero generale nazionale, con assemblee di quartiere e nelle fabbriche!

Costruiamo il partito rivoluzionario e socialista!

 

(*) sezione honduregna della LIT-Quarta Internazionale, traduzione di Massimiliano Dancelli

 
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

MILANO 28 GIUGNO

  DIBATTITO E FORMAZIONE

locandina_mi_28_1000

campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n74
      progetto_74
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.