Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA

giovani comunisti rivoluzionari  

Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Polemica su Venezuela PDF Stampa E-mail
gioved 17 agosto 2017

Polemica su Venezuela

Perché i capi del Pcl

ci attaccano con il metodo di Josif Stalin?

 

 

di F.R.

 

Da anni rivendichiamo l'utilità della polemica politica. Da anni i capi del Pcl ci accusano di eccedere nella polemica contro il loro gruppo, mentre dedicano al Pdac una costante polemica pubblica e, a quanto raccontano compagni usciti da quel gruppo, anche una costante denigrazione interna coi loro militanti. Per parte nostra non troviamo nella polemica nulla di disdicevole: purché non si basi sulla calunnia e la falsificazione.

 

La falsificazione consiste nell'attribuire a un'organizzazione posizioni che non esprime né sostiene in alcun modo; distorcere le posizioni altrui fino a farne una caricatura calunniosa, costruire in questo modo una posizione scandalosa per poi con più facilità attaccarla.
Naturalmente, per quanto Ferrando e Grisolia siano abili nell'impiego di questa tecnica (a quanto pare l'unica scienza che hanno coltivato negli anni), non ne sono gli ideatori. Per decenni lo stalinismo ha usato questo metodo contro i trotskisti, alternato ad altri mezzi più sbrigativi (a base di piombo).
Trotsky spiegava che, di fronte a chi impiega queste modalità, è inutile cercare di rispondere punto per punto ogni volta, perché mentre si risponde a un'accusa lo stalinista sta già inventando un'altra posizione da attribuirci. Il calunniatore di professione non è infatti interessato a un confronto da cui emergano con chiarezza le posizioni e le differenze. Preferisce confondere il lettore, ripetere una bugia infinite volte, nella convinzione che apparirà come una verità. Ovviamente chi usa queste tecniche insulta non solo l'oggetto della sua polemica ma anche il lettore, perché presuppone che sia tanto stupido da non poter scoprire la bugia.

 

Nei primi quindici giorni di agosto il sito nazionale del Pcl ha pubblicato due articoli sul Venezuela, entrambi dedicati in buona parte ad attaccare la posizione della Lit-Quarta Internazionale e della sua sezione italiana, il Pdac (1). Se si trattasse di polemica politica, nulla da ridire. Ma i due articoli attribuiscono alla Lit posizioni che nemmeno ci sogniamo. Non a caso in entrambi gli articoli non c'è un solo riferimento a testi precisi della Lit o del Pdac. Non c'è perché sarebbe stato necessario inventarli (gli stalinisti, più scrupolosi di Ferrando e Grisolia, avrebbero prodotto una falsa citazione...). Questi due articoli fanno seguito ad altri due o tre dedicati al Brasile in cui pure si cercava di falsificare la nostra posizione (per coprire un accodamento del Pcl a tutta la sinistra riformista che ha difeso il governo Dilma parlando di un inesistente "golpe").

 

La nostra Internazionale (a differenza del Crqi di cui faceva parte il Pcl finché il Po argentino lo ha espulso) esiste nella realtà e, per questo, ha sezioni in vari Paesi del mondo, tra cui il Venezuela e il Brasile (dove ha avuto un ruolo determinante in tutti gli ultimi avvenimenti e nello sciopero generale).
L'Ust (la nostra sezione in Venezuela), mentre i dirigenti del Pcl discettavano dal salotto di casa loro, da anni si batte all'opposizione del regime borghese di Chavez-Maduro, soffrendone le persecuzioni. Una opposizione di classe, in piena indipendenza dall'opposizione borghese della Mud e contrapposta, va da sé, all'imperialismo. Chi fosse interessato a conoscere le nostre posizioni può leggere sul nostro sito web e su quello della Lit, sul nostro mensile (Progetto Comunista), sulla nostra rivista teorica (Trotskismo oggi), sulla rivista teorica della Lit (Marxismo Vivo) o sulla rivista trimestrale della Lit dedicata alla politica internazionale (Correo Internacional) decine e decine di articoli sul tema. Talvolta (lo segnaliamo per facilitare chi, come Grisolia, ha più difficoltà con la lettura dei testi) è possibile verificare la nostra posizione di completa indipendenza di classe anche solo leggendo i titoli degli articoli.
Per quanto riguarda il Venezuela proprio in questi giorni abbiamo pubblicato una dettagliata analisi che riassume la nostra posizione: la si trova nell'home page del nostro sito.

 

Tornando ai due articoli scritti dai capi del Pcl, seguiremo pertanto il suggerimento di Trotsky e non proveremo nemmeno a rettificare gli innumerevoli falsi che contengono né tenteremo di difenderci dalle grottesche accuse secondo cui staremmo in Venezuela sostenendo l'opposizione borghese (Mud) "in nome della democrazia"; mentre in  Brasile avremmo partecipato "alle mobilitazioni della destra contro il governo di Rousseff". Non risponderemo all'accusa di esserci "posti sul terreno della controrivoluzione" e financo di "partecipazione oggettiva alla controrivoluzione." Sarebbe tempo perso: le posizioni, i fatti e l'azione concreta della Lit (a differenza di quanto accada per l'inesistente internazionale del Pcl) sono conosciuti direttamente da migliaia di lavoratori nel mondo.
Se qualcuno avesse invece dubbi sui metodi impiegati dai capi del Pcl può fare una semplice controprova: può leggere i nostri testi sul Venezuela (o sul Brasile) e confrontarli con la falsificazione che ne è stata fatta sul sito del Pcl.
Lo stesso invito facciamo ai militanti del Pcl perché potranno trarne due riflessioni sugli effetti dell'isolamento internazionale cui i loro dirigenti li condannano: primo, se non si è parte della costruzione di una Internazionale, non si produce analisi rivoluzionaria ma solo pettegolezzi di terza mano; secondo, il nazional-trotskismo (ovvero il... trotskismo in un solo Paese) se unito a una forte dose di cinismo (come è il caso dei loro capi) può condurre all'uso della calunnia nella polemica, un metodo vergognoso per chi voglia richiamarsi al trotskismo. Il metodo di Josif Stalin.

 

 

 

(1) I due articoli in cui il  Pcl stravolge le posizioni della Lit e ci accusa di "sostegno oggettivo alla controrivoluzione" sono questi: "Venezuela, l'elezione della Costituente madurista", del 1 agosto e "Giù le mani dal Venezuela", del 12 agosto.

 

 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 28 OTT-BRESCIA 7NOV

 

DIBATTITO SULLA

RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

 

loc.28_x_sito_web

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 68
progetto_com_67  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.