Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Doppia oppressione
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bridgestone di Bari PDF Stampa E-mail
venerdì 15 marzo 2013

Bridgestone di Bari

Espropriarla sotto la gestione dei lavoratori

 

 

di Michele Rizzi (*)

Martedì scorso al Consiglio regionale si è svolta l'ennesima liturgia bipartisan tra centrosinistra e centrodestra sulla vertenza Bridgestone.

Presente Alternativa comunista al fianco dei lavoratori della Bridgestone accorsi numerosi all'assise regionale, abbiamo partecipato a due ore di inutili interventi, tra cui quello del governatore Vendola, con discorsi pieni di impegni a "costringere" la direzione giapponese a non chiudere la fabbrica barese, chiusura che significherebbe lasciare sul lastrico più di mille lavoratori.

Il leader di Sel, dopo aver deciso di rimanere governatore della Puglia, indossa nuovamente i panni del "rivoluzionario gentile", sfidando a parole il management nipponico della Bridgestone al fine di indurlo a non chiudere lo stabilimento barese. Ricordiamo che il padronato giapponese aveva comunicato la volontà di chiudere lo stabilimento barese con un semplice video messaggio di 4 minuti lasciando nello sgomento i più di 1000 lavoratori.
Alla chiusura annunciata, Vendola e centrodestra hanno risposto con la convocazione di tavoli di concertazione con il ministro Passera e con eventuali colloqui con l'ambasciatore giapponese italiano magari riaprendo il rubinetto di soldi pubblici per convincere i riottosi padroni nipponici. Sembra un film già visto, quello di smorzare una lotta radicale attraverso tavoli istituzionali che non portano a nulla se non a cassaintegrazione e licenziamento. I sindacati concertativi, per parte loro, puntano a soffocare ogni inizio di conflittualità operaia, "consigliando" prudenza e attesa per i "tavoli" istituzionali che si tradurranno inevitabilmente nel bruciare a fuoco lento i lavoratori.

La Bridgestone Bari, al contrario di molte altre, non è un'azienda in crisi, non ha mai applicato la cassaintegrazione salvo per pochissime ore al mese, ha prodotto sempre ricchi profitti per i padroni in quasi 50 anni di attività in Puglia.

Ma evidentemente tutto questo non basta. O giocano al rialzo (rispetto ai finanziamenti pubblici) come già fatto da Bosch e Natuzzi che prima hanno minacciato licenziamenti e poi, dopo aver ottenuto tanti soldi pubblici, hanno cancellato di colpo la minaccia paventata. Oppure non gli bastano neanche questi ed hanno deciso realmente di delocalizzare dove possono fare ugualmente i profitti che fanno a Bari da anni e in più pagare salari più bassi.

Comunque, di fronte alla demagogia vendoliana, Alternativa comunista ritiene che la lotta dei lavoratori della Bridgestone debba invece radicalizzarsi partendo da uno sciopero prolungato che blocchi la produzione (che la Bridgestone ha assicurato fino al 2014) fino all'occupazione dell'azienda.

I padroni della Bridgestone (che hanno sfruttato soldi pubblici, territorio e lavoratori) se ne vadano via da Bari perchè l'azienda sia espropriata senza indennizzo e gestita direttamente dai lavoratori.

 

(*) coord. reg. Pdac Puglia

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 6-7-8-9 SETTEMBRE

  FESTA PdAC

  festa2018_fronte

15 settembre BARI

   

bari_contro_il_governo
campagna tesseramento 2018
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n75
      progetto_75
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


Milano giovedi 20 settembre
  milano_giovedi_20
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Gli atti del V Congresso nazionale Pdac 2018
 


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.