Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Elezioni amministrative. Primo bilancio PDF Stampa E-mail
martedì 08 maggio 2012

Elezioni amministrative. Primo bilancio

Si approfondisce la crisi dei partiti borghesi

Ma la soluzione verrà dalle lotte, non dalle urne

Mille voti per il programma rivoluzionario

nella Verona leghista: e ora tutti di nuovo con Ibrahima

domenica 13 maggio a Verona!

 

di Francesco Ricci

Pubblicheremo nei prossimi giorni un'analisi più attenta del dato politico per come si riflette nel risultato delle elezioni amministrative. Ci limitiamo qui ad alcune prime rapide notazioni.
L'alta astensione, così come il successo delle liste del comico Beppe Grillo, sono un sintomo della crisi acuta del sistema politico della borghesia, che sta perdendo credibilità non solo e non tanto per gli scandali che lo avvolgono, per la corruzione che trasuda da ogni parte, ma soprattutto perché conduce una guerra sociale (i "piani di austerità") per scaricare la crisi del capitalismo sulle masse popolari.
In particolare, come sempre nel sistema dell'alternanza borghese (come si vede nel resto d'Europa), le elezioni penalizzano in primo luogo i partiti che hanno governato per ultimi. In questo quadro va letto il vero e proprio crollo del Pdl berlusconiano e della Lega Nord.
In ogni caso non sarà dalle urne (né queste né quelle delle prossime elezioni politiche) che potrà uscire una soluzione per i lavoratori. Le prossime elezioni politiche, dopo la "parentesi" di Monti, con ogni probabilità, segneranno solo il nuovo passaggio di testimone tra i due schieramenti dell'alternanza, e il prossimo governo nazionale proseguirà l'attacco ai lavoratori per recuperare i profitti padronali, come conferma il fatto che il governo Monti e la sua politica di macelleria sociale godono oggi del sostegno congiunto di Pdl, Pd e "terzo polo".

 

La crisi dei riformisti, la prospettiva dei rivoluzionari

La sinistra socialdemocratica, Sel di Vendola e Prc (quest'ultimo continua, anche sul piano elettorale, a scivolare sempre più giù), si prepara a sostenere il prossimo governo di centrosinistra: così come in queste elezioni amministrative ha stretto alleanze di governo praticamente ovunque col Pd. La logica governista di questa sinistra, l'ossessione per le poltrone e gli sgabelli borghesi che nutrono i gruppi dirigenti burocratici di quella che viene chiamata "sinistra radicale", non sono solo perdenti ma appaiono tanto più grottesche a fronte dell'attacco violentissimo e aperto sferrato dai governi della borghesia e della nuova situazione di ascesa delle lotte in Europa e nel mondo che apre la strada a una ripresa delle lotte nelle piazze anche in Italia.

 

Il Pdac e il risultato importante di Verona

L'alternativa vera, di classe, va cercata fuori dalle urne. Come Pdac pensiamo che la scelta di partecipare alle elezioni sia meramente tattica: per questo di volta in volta valutiamo se e come presentarci. In quest'ottica anche a queste elezioni abbiamo partecipato col solo scopo di usare quello che è un gioco truccato della borghesia e delle sue istituzioni: per dare visibilità alle lotte dei lavoratori e delle classi subalterne. A queste amministrative abbiamo presentato liste del partito a Lecce e a Verona. E il nostro risultato era già conseguito prima dell'apertura delle urne perché, in entrambe le situazioni, siamo riusciti a interloquire con centinaia di lavoratori e di giovani, usando la campagna elettorale per fare propaganda su un programma coerentemente rivoluzionario. A Verona attorno alla candidatura di Ibrahima si è coagulato un settore importante di lavoratori e, in particolare, di lavoratori dello strato più oppresso, quello degli immigrati. La candidatura stessa ha avuto una grande visibilità nazionale: essendo nei fatti la cosa di cui più si è parlato a sinistra, nazionalmente.
Pur vedendo nel mero dato numerico una questione secondaria, in quanto siamo interessati a tradurre la battaglia propagandistica in nuove energie militanti per la costruzione del partito rivoluzionario, dobbiamo segnalare, a fianco della percentuale nella media dell'estrema sinistra da noi conseguita a Lecce, il dato significativo raggiunto dal nostro candidato Ibrahima Barry a Verona. Nella città dominata dalla Lega Nord e dalla destra razzista, pur scontando il fatto che molti attivisti e sostenitori del Pdac non potevano votare, in quanto immigrati privi di cittadinanza, pur avendo avviato la costruzione della nostra sezione locale solo da qualche mese, pur avendo potuto investire nella campagna elettorale solo qualche centinaio di euro raccolti in una scatola di cartone ai presidi, Ibrahima Barry prende lo 0,7% e circa mille voti (si noti che Rifondazione e Pdci, nonostante i mezzi superiori e la visibilità mediatica nazionale, prendono, insieme, lo 0,9%). Mille voti a un candidato immigrato, operaio, trotskista, e a un programma rivoluzionario che parla di abbattimento del sistema capitalistico. E' l'evidente riflesso, per quanto proveniente da quello specchio deformato e falsante che sono le elezioni borghesi, perlomeno di una simpatia vasta raccolta in questa difficilissima (e talvolta anche rischiosa) campagna elettorale.

 

Le lotte sono la prospettiva dei rivoluzionari

Se, come altri a sinistra del Prc, fossimo interessati al grottesco gioco dei numeri elettorali, dovremmo oggi dire che il Pdac prende -e nella città più difficile- il voto più alto, in percentuale e numeri, a sinistra di Rifondazione. E' un fatto.
Ma non è a fatti di questo tipo che guardano i rivoluzionari. I fatti che ci interessano sono la costruzione di nuove lotte unitarie, dei lavoratori nativi e immigrati; il rafforzamento di quel partito rivoluzionario che ancora non c'è e che è indispensabile per sviluppare le lotte, su scala nazionale e internazionale, in una prospettiva di rovesciamento di questo sistema sociale e politico.
Per questo il primo appuntamento per noi importante è quello che diamo ancora una volta a Verona, ancora una volta tutti con Ibrahima, domenica prossima, 13 maggio (a breve pubblicheremo la locandina con le indicazioni): è un appello che facciamo a tutti coloro che ci hanno sostenuto in questi mesi e ai quali chiediamo di fare insieme un bilancio per rilanciare la lotta, a partire da lavoro comune di rafforzamento, a Verona come nelle altre città, di Alternativa Comunista. Perché la battaglia contro tutti gli schieramenti borghesi, contro le loro politiche anti-operaie e razziste, continua.

 

 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 15 FEBBRAIO

A CENT'ANNI

DALLA RIVOLUZIONE RUSSA

  panpazyterra

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 71
  progetto71
  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.