Solidarietà agli studenti di Bologna!
sabato 11 febbraio 2017
Solidarietà agli studenti  di Bologna!
Fuori la polizia dalle università!
 
 
 Pdac Redazione web

 

bologna_universit

 

 

Il Partito di Alternativa Comunista esprime la propria solidarietà agli studenti e alle studentesse di Bologna che, in questi giorni, stanno resistendo a una pesantissima repressione poliziesca.
L'occupazione di una biblioteca presso la facoltà di lettere, promossa dai collettivi studenteschi per protestare contro l'introduzione di tornelli funzionali a limitare il libero accesso, ha avuto in risposta l'invio della celere in assetto antisommossa. La polizia, su richiesta del rettore, ha letteralmente invaso i locali dell'università occupati, manganellando gli studenti e devastando la biblioteca. Vale la pena ricordare che i locali che sono stati scenario di queste violente scene di repressione, degne di
uno Stato di polizia, in passato, all'indomani delle grandi mobilitazioni della "Pantera", sono state occupate per molti anni (il "36 occupato"): oggi all'Università di Bologna nemmeno un giorno di occupazione è tollerato. Ma gli studenti hanno saputo reagire: migliaia di studenti stanno scendendo in piazza per respingere la militarizzazione dell'Università e le mobilitazioni non si fermano nemmeno di fronte alle cariche e agli arresti. Respingiamo con sdegno le dichiarazioni della ministra dell'istruzione Valeria Fedeli, ex dirigente Cgil, che ha legittimato la repressione bollando gli studenti come "violenti". Secondo la ministra dell'istruzione quindi "violenti" sarebbero gli studenti che hanno occupato pacificamente una biblioteca anziché i poliziotti armati in assetto antisommossa che hanno manganellato giovani ragazzi e ragazze disarmati!
Il Pdac è al fianco degli studenti in lotta, per rivendicare un'istruzione pubblica, gratuita, laica e partecipata.

No alla repressione: l'università è degli studenti e dei lavoratori, non della polizia!