Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA

giovani comunisti rivoluzionari  

Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Alitalia: una vertenza di importanza fondamentale PDF Stampa E-mail
gioved 15 giugno 2017
Alitalia: una vertenza
di importanza fondamentale
La lotta dei lavoratori può aprire nuovi scenari per la lotta di classe
 
 
 
 
di Matteo Bavassano
alitalia_bavassano

 
Dopo le mobilitazioni dei mesi scorsi e la vittoria del No al referendum di aprile, continua la lotta dei lavoratori Alitalia. Sabato 27 maggio c’è stata una manifestazione molto partecipata a Roma, a cui hanno partecipato diversi lavoratori in lotta ed attivisti dei sindacati di base. La solidarietà di classe è ovviamente fondamentale per il proseguimento vittorioso della lotta: anche per questo è molto importante lo sciopero di venerdì 16 giugno.
Oltre allo sciopero in Alitalia (la quale minaccia di cancellare centinaia di voli a ridosso dell’inizio delle vacanze estive per molti italiani), è stato proclamato uno sciopero generale del trasporto pubblico, e sindacati attivi nel settore della logistica come SiCobas, AdlCobas e SolCobas hanno indetto anche loro lo sciopero per sostenere i lavoratori dell’Alitalia. Uno sciopero che si preannuncia importantissimo, al punto che il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture aveva fatto appello al "senso di responsabilità" delle organizzazioni che hanno indetto lo sciopero affinché lo ritirassero per non creare disagi. Appello che è stato, giustamente, rispedito al mittente dai lavoratori in lotta, che si sono detti disponibili a un confronto… dal giorno dopo lo sciopero!
 
La verità sui problemi di Alitalia
Contrariamente a quanto falsamente fatto intendere da tutta la stampa borghese, come già abbiamo rilevato in un precedente articolo, tutti gli indicatori di costi operativi dell’azienda (dal costo del lavoro all’indice del costo per passeggero per km) non solo sono in linea con quelli delle altre compagnie europee di riferimento (Air France-Klm, Lufthansa, British airways), ma sono spesso più bassi. E la crisi non è neppure imputabile allo sviluppo dei vettori low cost, che pure certamente in questi ultimi 20 anni hanno cambiato sensibilmente il trasporto aereo. La verità è che non c’è stata la volontà politica di salvare la compagnia di bandiera, anzi si è puntato al suo fallimento e smembramento.
La realtà, che pochissimi conoscono, se non gli "addetti ai lavori", è che le compagnie low cost vengono pagate dagli enti aeroportuali per mantenere le rotte, ad esempio Ryanair pretende una percentuale sui ricavi dei negozi negli aeroporti, oltre a ricevere finanziamenti diretti anche dalle regioni. È inutile quindi parlare di mercato del trasporto aereo, quando si decide politicamente di finanziare una compagnia che sfrutta brutalmente i lavoratori, che paga le tasse in Irlanda, piuttosto che investire nell’Alitalia, dimostrando di ritenere il trasporto aereo un servizio pubblico importante.
Nazionalizzare l’Alitalia è non solo possibile, ma anche auspicabile, nella prospettiva di migliorare il settore del trasporto aereo in Italia, sia da un punto di vista di condizioni dei lavoratori (sia lavorative che salariali), sia dal punto di vista dei passeggeri, con servizi migliori e più economici. A patto però di mettere in discussione anche l’attuale sistema aeroportuale privatizzato italiano: rinazionalizzare gli aeroporti è imprescindibile per gestire centralmente tutti gli “incentivi” che vengono corrisposti alle varie compagnie. A questo si accompagnerebbe, necessariamente, la fine della liberalizzazione dei servizi di terra (o handling), che ha portato solo alla compressione dei salari e al peggioramento delle condizioni lavorative.
La nazionalizzazione è l’unica soluzione per salvare il settore del trasporto aereo in Italia, ma chiaramente è una soluzione che il governo non vuole accettare. Ecco perché nello sciopero del 16 deve chiamare direttamente in causa le politiche governative sul trasporto, deve scontrarsi direttamente col governo, che fino a ieri era sordo alle richieste e alle proposte dei lavoratori e oggi prova maldestramente a elemosinare il ritiro dello sciopero.
La protesta dei lavoratori metterà in luce l’importanza fondamentale del settore del trasporto aereo in Italia e dell’Alitalia all’interno del settore, perché bloccherà di fatto tutto il traffico passeggeri. Il punto focale dello scontro sarà l’aeroporto di Fiumicino: se il blocco durerà oltre le 24 ore, grazie alla determinazione dei lavoratori, il governo non potrà fare altro che cedere, se non vuole rischiare una paralisi totale del traffico. E a quel punto, i rapporti di forza saranno dalla parte dei lavoratori. Per questo occorre sostenere i lavoratori dell’Alitalia nella loro lotta, e concentrare la solidarietà di classe attorno a loro.
 
Una vertenza importante non solo per il settore del trasporto aereo
La lotta in Alitalia può diventare un passo fondamentale nella lotta di classe del nostro Paese: da diversi anni a questa parte è la prima vertenza di una certa importanza che -a condizione di essere diretta ascoltando le esigenze dei lavoratori in lotta e non le esigenze burocratiche e ponendo la vertenza nella giusta prospettiva rivendicativa (che deve essere non meramente aziendale, ma più generale)- può vincere, ribaltando non solo una privatizzazione fallimentare, ma convincendo i lavoratori che le privatizzazioni non sono una soluzione ai problemi né loro, né dell’economia, e che quindi bisogna lottare contro di esse. Una prospettiva fondamentale, dato che nei prossimi anni il governo pianifica di privatizzare le principali aziende del trasporto pubblico locale.
La classe lavoratrice deve lottare per vincere, potrebbe così stabilire un pericoloso precedente per i padroni borghesi: dimostrando che le aziende private devono essere salvate non svendendo i lavoratori e tutelando i parassiti, ma facendo pagare a padroni e manager i costi della riorganizzazione produttiva necessaria a mantenere le aziende funzionanti nazionalizzandole e ponendole sotto il controllo dei lavoratori. Dobbiamo dimostrare e ricordare alla classe operaia che è perfettamente in grado di gestire la produzione secondo l’interesse generale della società, senza bisogno di capi, azionisti e padroni.
È con questa consapevolezza che, finalmente, la classe lavoratrice italiana smetterà di incassare passivamente gli attacchi dei capitalisti e inizierà a rispondere colpo su colpo, facendola finita con un sistema che umilia i lavoratori, per costruire un mondo più giusto, in cui si possa vivere dignitosamente del proprio lavoro.
 
 
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 28 OTT-BRESCIA 7NOV

 

DIBATTITO SULLA

RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

 

loc.28_x_sito_web

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 68
progetto_com_67  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.