Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA

giovani comunisti rivoluzionari  

Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bari, contestato il G7 PDF Stampa E-mail
mercoledě 17 maggio 2017
Bari, contestato il G7
Il ruolo decisivo dei rivoluzionari
 
 
 
 
di Salvo de Lorenzo(*)
baricontestag7

 
In un'atmosfera surreale, con una città blindata da oltre 5000 poliziotti armati sino ai denti, droni che sorvolavano la città, cecchini posizionati sui tetti delle abitazioni, un centro completamente blindato, la normale vita cittadina paralizzata da controlli di polizia e carabinieri a ogni angolo di strada, si è svolto a Bari il G7 economia e finanze, con la presenza dei 7 ministri economici dei 7 tra i Paesi capitalistici più ricchi e la partecipazione dei vertici della Bce e del Fmi.
L'apparato repressivo dello Stato aveva peraltro già preventivamente avviato, un mese or sono, una campagna di intimidazione contro gli attivisti del variegato arcipelago dell'estrema sinistra barese, attraverso i fogli di via ai compagni che avevano contribuito all'esperienza di socializzazione di Villa Roth, proseguendo poi con una serie di operazioni di fermo nei punti nevralgici del mondo dei centri sociali. Nello stesso periodo venivano eseguite una serie di operazioni repressive contro i No Tap del Salento. Con l'approssimarsi del summit sono stati infine i lacché della borghesia in servizio presso i giornali e le televisioni locali e nazionali, ad alimentare ad arte il  clima di terrore, con una campagna mediatica tutta tesa ad indicare l'arrivo dei fantomatici black block in città. L'obiettivo non dichiarato era chiaramente uno ed uno solo: tenere le masse lontane dai posti dove si discutono modelli di sviluppo sociale alternativi all'attuale e folle sistema di produzione dei beni materiali.
In questo clima di tensione, la partecipazione di diverse centinaia di manifestanti al corteo contro il G7, seppur rappresentando in valore assoluto un numero relativamente modesto, costituisce un successo del comitato organizzatore, costituito dai centri sociali e da Alternativa Comunista, unica forza partitica massicciamente presente sia ai tanti presidi che si sono svolti nei vari quartieri popolari della città che al corteo del 13 maggio.
Il corteo del 13 maggio si è svolto in un clima di grande vivacità e partecipazione cosciente, al grido dello slogan “ammin'abbasc' u g7” (buttiamo giù il G7), e la partecipazione di esponenti del fronte di lotta “No Austerity”, dei Cobas, dei comitati “No Tap”, del sindacato Cib-Unicobas dell'università di Bari e di varie altre realtà di lotta, associative e sindacali provenienti da tutta la Puglia.
Se, in una fase di arretramento, si è riusciti a tenere botta al terrorismo psicologico dell'ideologia dominante, è anche grazie all'enorme lavoro organizzativo dell'evento da parte del partito di Alternativa Comunista, che si è speso in una impegnativa campagna contro-informativa, sia sugli organi di informazione locali e nazionali, sia attraverso il volantinaggio sulle fabbriche e nei luoghi di lavoro.
 
La critica del sistema capitalistico e le parole d'ordine dei rivoluzionari
E' compito dei rivoluzionari quello di indicare alle masse, attraverso la semplice descrizione dei fatti, le ragioni profonde della crisi del sistema capitalistico. In tal senso il Partito di Alternativa Comunista è intervenuto al corteo ricordando la rapina sociale perpetrata ai danni dei lavoratori, dei precari, dei disoccupati, dei pensionati da parte degli Stati capitalistici che si riunivano a Bari. Ricordando in particolare gli oltre 760 miliardi di euro di soldi dei lavoratori versati dai governi borghesi italiani negli ultimi dieci al sistema delle banche, sotto forma di pagamento dei soli interessi sul debito pubblico e sottratti ai salari, alle pensioni, alla sanità e alla scuola pubblica. E ricordando l'aggressione ai diritti dei lavoratori da parte del governo Renzi, attraverso l'abolizione dell'articolo 18 e l'introduzione del jobs-act.
Ma è anche compito dei rivoluzionari spiegare ai lavoratori le ragioni delle loro attuali sconfitte. E le ragioni, come spiegato al corteo, sono nel tradimento da parte di quelle organizzazioni sindacali e partitiche cui i lavoratori si erano rivolti per tutelare i loro interessi, dalle grandi organizzazioni sindacali confederali sino a quei partiti riformisti (Sel) e socialdemocratici (Rifondazione Comunista) che, da un lato, continuano indegnamente a fregiarsi ancora dei simboli nobili del movimento operaio e, dall'altro, continuano ad appoggiare quei governi, come il governo Tsipras, responsabile di operazioni di massacro sociale nella vicina Grecia a tutela degli interessi del sistema capitalistico.
E infine è compito dei rivoluzionari quello di indicare alla classe lavoratrice qual è la direzione di uscita da questo disastro. E Alternativa Comunista, ricordando che non esistono forme di conciliazione con il capitale, ha indicato le misure transitorie necessarie all'uscita dalla crisi: abolizione del debito pubblico; nazionalizzazione delle banche sotto il controllo dei lavoratori; esproprio delle fabbriche che licenziano, senza indennizzo per i padroni e gestione della produzione sotto controllo operaio; uscita dalla Nato, braccio armato dell'imperialismo e, infine, la prospettiva della costruzione degli Stati Uniti Socialisti d'Europa.
Invertire la rotta è possibile, ma per far questo è necessaria l'unità della classe lavoratrice. E' necessario lavorare a  superare le divisioni tra i sindacati conflittuali più combattivi e indire uno sciopero generale del mondo del lavoro che unisca le infinite vertenze sparse in tutta Italia, da Almaviva ad Alitalia, dagli operai della logistica sino ai braccianti di colore di Rignano Garganico, dai precari della scuola a quelli dell'università, dagli operai della Natuzzi a quelli della Bridgestone, seguendo l'esempio della classe operaia brasiliana.
Solo l'unione internazionale dei lavoratori può sconfiggere il governo mondiale del capitale.
 
(*) Pdac Bari
 
 baricontestag7_1
 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 6-7-8-9 LUGLIO

 

FESTA DEL PdAC

 

volantinofesta2017_fronte

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 65
  progetto_65
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n9
 
  9_trotskismo


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.