Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA

giovani comunisti rivoluzionari  

Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Giù le mani da Ruggero Mantovani! PDF Stampa E-mail
domenica 23 aprile 2017

Giù le mani da Ruggero Mantovani!

Giu' le mani dalle lotte operaie contro l'amianto!

Circola sul web un testo di Valerio Torre, uscito oltre un anno fa dal Pdac in seguito ad una polemica con il compagno Ruggero Mantovani (morto poche settimane dopo). Quest'ultimo era stato accusato dalla magistratura borghese di una presunta "truffa ai danni dello Stato", per aver in realtà difeso delle cause di risarcimento di operai esposti all'amianto. Operai che ancora oggi rischiano la salute e la vita per i profitti miliardari di padroni senza scrupoli.
Era questa una
battaglia che Ruggero faceva da anni, tanto nei tribunali come con le manifestazioni di piazza. Ecco perché ai suoi funerali c'era una imponente folla composta in prevalenza da operai: una folla che ha traformato quei funerali in una manifestazione politica e ha così respinto con sdegno le accuse degli apparati repressivi dello Stato e dei vertici dell'Inps (peraltro persino gli avversari di Ruggero hanno dovuto riconoscere il rigore morale di una vita passata a difendere, spesso gratuitamente, cause di operai).

Si possono trovare sul nostro sito vari articoli sulle lotte animate da Ruggero e da altri compagni e sui tentativi repressivi della magistratura borghese contro queste lotte (1).

Torre, alcuni mesi dopo l'apertura dell'inchiesta contro Mantovani, vistosi a sua volta indagato dalla magistratura borghese per gli stessi fatti, iniziò improvvisamente ad attaccare Mantovani, di cui fino al giorno prima aveva difeso l'operato, attribuendogli la responsabilità – inesistente – di averlo “inguaiato” compromettendo la sua immagine di "avvocato rispettato nel proprio ambiente". In questo modo Torre pensava di discolparsi di fronte alla magistratura borghese incolpando il compagno Mantovani. E pretendeva che il partito lo appoggiasse in questa operazione contraria ai più elementari principi della morale rivoluzionaria. Cosa che ovviamente non abbiamo fatto, suscitando l'ira e quindi l'uscita di Torre dal Pdac.

Nel testo che circola su internet Torre accampa anche presunti motivi di divergenza politica con il Pdac e la Lit a cui riteniamo superfluo controbattere, trattandosi di polemiche di un soggetto che ormai trascorre il suo tempo su internet traducendo articoli di gruppi politici brasiliani accodati al Psol e cioè alla coda dei governi di collaborazione di classe di Lula, o articoli di intellettuali piccolo-borghesi che teorizzano l'inutilità della militanza rivoluzionaria (2). Vogliamo solo ricordare che tra le poche critiche "politiche" che Torre ci fece nel momento della sua uscita dal Pdac c'era anche la critica alla battaglia contro il maschilismo: battaglia che il nostro partito rivendica con orgoglio.

Finora abbiamo ignorato le polemiche dirette o indirette di Torre, perché rappresenta solo sé stesso. Ma ora siamo di fronte non a una polemica più o meno politica: qui dobbiamo denunciare pubblicamente il comportamento disgustoso di chi, evidentemente per difendere la propria carriera di avvocato benestante e per giustificare la propria fuga dalla militanza rivoluzionaria, non esita vigliaccamente a gettare fango persino su un compagno morto, il compagno Ruggero Mantovani, della cui scomparsa abbiamo ricordato proprio in questi giorni il primo anniversario.

Se il compagno Ruggero non può difendersi da una simile cinica volgarità, sappiano Torre e chi sta diffondendo questa calunnia contro un rivoluzionario morto che il Pdac e la Lit-Quarta Internazionale difenderanno con ogni mezzo disponibile ai rivoluzionari la memoria di Ruggero Mantovani, dirigente trotskista, esempio di militanza e di morale rivoluzionaria.

 

Comitato Centrale del Pdac

 

 

 

Note

1) Riportiamo alcuni link ad articoli sulle lotte operaie contro l'amianto, dirette da Mantovani:

www.alternativacomunista.it/content/view/1985/47/

www.alternativacomunista.it/content/view/1040/51/

www.alternativacomunista.it/content/view/1165/47/

www.alternativacomunista.it/content/view/1293/95

www.alternativacomunista.it/content/view/1402/95/

2) Qui l'articolo tradotto da Torre contro la militanza rivoluzionaria

www.facebook.com/notes/valerio-torre/critica-al-militantismo/10155090982682366/ e qui la nostra risposta all'autore di quell'articolo www.alternativacomunista.it/content/view/2340/45/

 

 

 

 

 

 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 28 OTT-BRESCIA 7NOV

 

DIBATTITO SULLA

RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

 

loc.28_x_sito_web

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 68
progetto_com_67  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.