Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

8 marzo Appoggiamo lo sciopero delle e con le donne di tutto il mondo! PDF Stampa E-mail
giovedě 02 marzo 2017
8 marzo
Appoggiamo lo sciopero delle e con le donne
di tutto il mondo!
 
 
Dichiarazione della Segreteria Internazionale delle Donne
Lega internazionale dei Lavoratori – Quarta Internazionale
 
 
8_marzo
 
Questo 8 marzo le donne nel mondo scriveranno un'altra pagina importante nella storia della lotta per i loro diritti; con un'azione senza precedenti, in più di 20 Paesi, in questa giornata internazionale della donna lavoratrice si sta convocando ad uno sciopero e per riconquistare le strade.
Nel corso degli ultimi anni abbiamo visto che giorno dopo giorno le donne si pongono alla testa della resistenza, le donne lavoratrici e povere ci insegnano come sconfiggere i piani dell’imperialismo, come resistere alle invasioni (Siria, Palestina, Kurdistan), come lottare per l’istruzione (Messico), come difendere ciò che si è conquistato (Polonia), come reclamare l’uguaglianza salariale (Islanda), come combattere per le nostre vite (India, Argentina), e così via.
Un anno e mezzo fa, il 3 giugno, con lo slogan #NiUnaMenos, un gruppo di giornaliste argentine ha convocato alla mobilitazione contro il femminicidio e la violenza verso le donne. In quel 3 giugno le strade di Buenos Aires si sono rivelate troppo strette per accogliere la mobilitazione più grande cui questo Paese avesse mai assistito fino ad allora in difesa dei diritti delle donne. La mobilitazione ha avuto un impatto mondiale e lo slogan ha cominciato a ricorrere in altri Paesi. Mentre affrontavano la repressione, le donne messicane hanno gridato la stessa cosa ed hanno aggiunto: Vogliamo vivere! E così ha cominciato ad espandersi nel mondo la lotta femminile, sostenuta da migliaia di lavoratori.
Nel 2016, molte donne hanno ripreso a manifestare; grandi mobilitazioni hanno attraversato molti Paesi, ma lo sciopero di donne che hanno fatto le donne polacche per il diritto all’aborto, così come lo sciopero di ottobre in Argentina, hanno segnato una nuova prospettiva. La grande spinta che mancava, l’hanno data le donne nordamericane che in centinaia di migliaia hanno manifestato per affrontare Donald Trump il primo giorno del suo mandato.
A differenza di quanto dice la gran parte dei gruppi femministi nel mondo, questo non ha nulla a che vedere con un empowerment individuale delle donne o con la difesa della nostra “femminilità”. Ciò è accaduto perché la crisi del capitalismo è ogni giorno più intensa, i piani di assestamento dell’imperialismo e dei governi che lo servono, sono ogni giorno più duri e colpiscono con maggior virulenza le donne lavoratrici e povere, che non hanno altra alternativa che cominciare ad opporvisi. Ciò è accaduto perché questa situazione si associa alla violenza maschilista, che ci toglie anche la vita, provocando un’ondata di disgusto e di indignazione in tutto il mondo.
Come Lit-Qi noi abbiamo partecipato con molto entusiasmo a ciascuna di queste azioni, abbiamo condiviso le strade con migliaia di lavoratrici e lavoratori, abbiamo partecipato a riunioni per organizzare le giornate del 25 novembre e ci ha rallegrato il fatto che figure di peso internazionale come Angela Davis e Nancy Fraser, ne abbiano sostenuto la convocazione. Ci rallegra che si prepari uno sciopero di ogni attività contro la violenza maschilista, che i confini siano travalicati, che l’8 marzo sia veramente una giornata internazionale di lotta, che in molti angoli del mondo si stia parlando delle nostre esigenze.
Allo stesso tempo, questo entusiasmo non ci incanta e crediamo che sebbene questo sia un primo passo, dobbiamo ancora parlarne a lungo per evitare che la lotta per la nostra emancipazione si interrompa a metà strada. Siamo convinte che da sole non andremo molto lontano. Il passo avanti che le donne hanno fatto nella lotta, deve essere supportato dalla lotta che tutti i lavoratori e i popoli oppressi devono fare contro l’imperialismo. Dietro ai discorsi maschilisti, omofobi, razzisti e contro gli immigrati di Trump, si nasconde un piano completo per continuare a scaricare la crisi economica mondiale sulle spalle dei lavoratori, dei giovani senza lavoro, e soprattutto dei settori maggiormente oppressi. Tutto ciò serve a dividere la classe in modo che i ricchi possano recuperare i loro favolosi profitti. Trump colpisce per primi i più vulnerabili, ma poi arriverà anche ai diritti dei lavoratori bianchi.
I piani di assestamento e di austerità sono a carico di tutta la classe proletaria, anche se colpiscono con maggior intensità le donne, gli immigrati, i neri e la comunità LGBT. Noi siamo le prime ad avvertire l’aumento del costo della vita perché non possiamo garantire il cibo ai nostri figli, non abbiamo medicine e viviamo in zone sprovviste di servizi pubblici. I tagli, la mancanza di acqua potabile in molti Paesi dell’Africa, ad Haiti e nelle zone più povere del mondo, portano sofferenze terribili. Molte donne in India soffrono di malattie o vengono violate nelle zone rurali perché non possono accedere a servizi igienici e i bagni pubblici sono scarsi. I presupposti per combattere la violenza maschilista, dove esistono, sono scarsi e tendono a scomparire. Siamo alla mercé di noi stesse perché i governi invece di aumentare le tasse ai ricchi e sottrarre i beni rubati dai corrotti, aumentano le tasse e l’IVA ai lavoratori e ai poveri.
 
Tutti allo sciopero e nelle strade!
Le riunioni di preparazione dell’8 marzo in Argentina  si sono pronunciate in modo unanime per esigere che i sindacati convichino lo sciopero in questa giornata, allo stesso modo che in altri Paesi, movimenti di donne o raggruppamenti sindacali – come in Italia Non una di meno e il Fronte di Lotta No Austerity – hanno chiesto ai sindacati di base e al resto dei raggruppamenti di dare copertura alle donne per l’8 marzo. In Brasile, il Movimento delle Donne in Lotta (MML), legato alla CSP-Conlutas, non solo ha aderito alla convocazione dello sciopero internazionale ma ha anche fatto un appello perché lo facciano anche altri settori, come parte della preparazione dello sciopero generale che la classe lavoratrice ha necessità di fare per abbattere il governo di Temer e i suoi progetti di controriforme sociali e lavorative. Il sindacato degli insegnanti dello Stato di San Paolo ha chiesto alla corporazione, in maggioranza femminile, di scioperare in questo giorno.
Prendiamo atto di questi primi esempi e andiamo più in là, facciamo in ogni luogo di lavoro e di studio riunioni, assemblee in cui si discuta e si decida di partecipare allo sciopero mondiale. Tendiamo la mano ai nostri compagni di classe perché scioperino e scendano nelle strade con noi, perché ascoltino le nostre richieste che sono anche le loro richieste, perché gridino al nostro fianco alle organizzazioni sindacali che lo convochino, perché si cominci a combattere il maschilismo nelle nostre fila, perché le nostre richieste si sommino a quelle specifiche di lotta di ogni sciopero.
Facciamo in questa giornata migliaia di proteste davanti alle fabbriche, nelle piazze pubbliche, facciamo appello a mobilitazioni unitarie.
Cominciamo noi, mettiamoci alla testa e battiamoci per i nostri diritti, ma chiediamo che ci accompagnino tutti i lavoratori perché la nostra lotta è quella di tutti gli sfruttati. Perciò questo 8 marzo scioperiamo e lottiamo tutti con e per le donne, così come noi lottiamo contro i licenziamenti, contro le leggi che tagliano le nostre pensioni, per l’istruzione pubblica dei nostri figli, i figli dei lavoratori. Uomini e donne, noi che possiamo fermare la produzione siamo la classe lavoratrice, e sicuramente dovremo affrontare una minoranza di donne che, come Betsy De Vos, ministro dell’Istruzione del governo Trump, è una  multimilionaria, padrona della multinazionale Amway, e nemica dell’istruzione pubblica e delle lavoratrici. La gioventù studentesca, può anche fermare o mobilitare le università e i college e unirsi alle azioni che si stanno organizzando in ogni Paese in quella che può essere una grande giornata. Una grande giornata per le donne, una grande giornata di lotta di tutti gli oppressi e sfruttati. Diciamo ai padroni del mondo che siamo sul piede di guerra.
Questo 8 marzo, noi donne lavoratrici ritroveremo la nostra tradizione di lotta, quella tradizione che ha avuto inizio quando questa data fu dichiarata giornata internazionale della donna agli inizi del secolo XX, e che ha avuto un impulso straordinario con il trionfo della rivoluzione operaia nella Russia del 1917. Perché sono state le operaie russe che nel febbraio di quell’anno, nella giornata della donna, hanno cominciato la rivoluzione sociale più toccante della storia. Le operaie e gli operai, i contadini poveri e i soldati semplici compresero che perché la lotta contro la fame, contro la violenza, contro lo sfruttamento spietato e contro l’oppressione non si fermasse a metà strada, era necessario prendere il destino di tutta la società nelle proprie mani e cominciare a costruire una società nuova, una società socialista. E noi vogliamo ripetere questa storia in tutto il mondo.

Basta femminicidi e violenza maschilista!
Contro i tagli e per i pieni diritti alle donne!
Salario uguale a parità di lavoro!
Difesa dei diritti di maternità e depenalizzazione dell’aborto!
Contro il maschilismo e tutte le forme di oppressione!
Via Trump e l’imperialismo!
Per la fine del capitalismo, viva il socialismo!
 

(traduzione dallo spagnolo di Laura Sguazzabia)
 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

BARI 2 DICEMBRE

A CENT'ANNI

DALLA RIVOLUZIONE RUSSA

  panpazyterra

CREMONA 28 OTT-BRESCIA 7NOV

 

DIBATTITO SULLA

RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

 

loc.28_x_sito_web

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 70
  progetto_70
  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.