Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA

giovani comunisti rivoluzionari  

Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Fuori la borghesia dall'8 marzo! PDF Stampa E-mail
mercoledì 08 febbraio 2017

Fuori la borghesia dall'8 marzo!

Riprendiamoci la giornata di lotta internazionale

delle proletarie!

È ormai certo che l’origine e la data dell’8 marzo sono ascrivibili all’episodio storico noto come rivoluzione di Febbraio, che fu la prova generale per la più ampia e profonda rivoluzione d’Ottobre. Il ruolo da protagoniste che le donne operaie bolsceviche svolsero in quella circostanza è inconfutabile, ma proprio per le sue origini rivoluzionarie, nel tempo si è cercato di trovare altre spiegazioni (alcune ormai dimostratesi false) per l’istituzione di questa ricorrenza.

Una giornata che non è ricorrenza da calendario come invece da tempo si cerca di far credere: negli anni questa data è stata sfigurata dalla borghesia, dalle istituzioni dell’imperialismo e dal riformismo, che l’hanno privata del suo carattere di classe, trasformandola in un giorno dedicato a celebrare la “fratellanza delle donne” (tutte le donne, ricche e povere, sfruttatrici e sfruttate). E ad ogni 8 marzo, attraverso i mezzi di comunicazione, vengono resi ipocriti omaggi alla donna nel tentativo di far passare il concetto che l’oppressione della donna è cosa del passato, perché oggi le donne sono ministre, segretarie di Stato, giudici, presidenti, offuscando il fatto che le ricchissime donne al vertice del potere sono nemiche di classe delle donne della classe lavoratrice che, nella loro maggioranza, sono povere e sfruttate.

Non esistono interessi comuni tra le donne proletarie e le donne borghesi. Le donne proletarie sono doppiamente oppresse, perché subiscono lo sfruttamento del lavoro e la violenza di genere.

 

Noi, donne comuniste, vogliamo lottare

per una società senza sfruttatori né sfruttati, senza oppressori né oppressi,

insieme alla nostra classe, al di là delle barriere razziali, al di là delle frontiere nazionali

per trasformare il mondo.

 

Per questo sosteniamo lo sciopero annunciato per l’8 marzo ed invitiamo i sindacati tutti a proclamare lo sciopero generale a difesa delle donne lavoratrici, garantendo la necessaria copertura a quante e quanti intendano partecipare.

In questa lotta noi chiamiamo alla partecipazione non le donne della classe borghese, ma gli uomini della classe lavoratrice perché con la loro astensione dal lavoro esprimano solidarietà alla nostra condizione e perché solo con l’unione delle nostre lotte sarà possibile sconfiggere l’oppressione e lo sfruttamento.

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CISTERNINO 11 MARZO

A CENT'ANNI

DALLA RIVOLUZIONE RUSSA

5marzo_milano

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 63
  progetto63
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n9
 
  9_trotskismo


BARI 12 MARZO
   
 4_marzo_vicenza
 
SICILIA 18 E 19 MARZO
 
 
  assemblea_lecce
   
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.