Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Cinque anni di rivoluzione siriana PDF Stampa E-mail
gioved́ 24 marzo 2016
Cinque anni di rivoluzione siriana
Le masse popolari
vogliono la caduta del regime!
 

 
(Milano, 19/3, manifestazione a sostegno della rivoluzione siriana)
 
siriamilano
 
Pubblichiamo qui una dichiarazione della Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale (di cui il Pdac è la sezione italiana) relativa alla rivoluzione siriana.
Sabato scorso ci sono state manifestazioni a sostegno della rivoluzione siriana. Il Pdac ha aderito e partecipato (unico partito presente).
A questo link potete vedere un intervento di Matteo Bavassano, dirigente del Pdac, al comizio di chiusura del corteo di Milano.
 

 
 
dichiarazione della Lit-Quarta Internazionale

Cinque anni fa, nel marzo del 2011, un gruppo di bambini di Daraa dipinse sul muro della propria scuola le parole "Libertà" e "Il popolo vuole la caduta del regime", sotto la spinta delle proteste di piazza Tahrir in Egitto. Alcune ore dopo, furono tutti arrestati e liberati solo il giorno successivo, tutti portavano chiari segni di tortura sul corpo. Questo piccolo episodio fu la goccia che fece traboccare il vaso e diede inizio a una delle rivolte più drammatiche e significative degli ultimi dieci anni, la rivoluzione siriana.
Cinque anni dopo, torniamo a vedere le strade siriane piene di gente con in mano la bandiera verde della rivoluzione, mentre scandiscono le stesse parole d'ordine dipinte su quel muro a Daraa: "Siria vuole libertà", “Il popolo vuole la caduta del regime”. Lo scenario delle proteste, nonostante tutto, è molto cambiato. Le proteste che prima sfilavano in floride città come Damasco, Homs e Aleppo ora si hanno tra i detriti e  le rovine. Le città siriane sono praticamente irriconoscibili.
La rivoluzione, che iniziò pacificamente, si è trasformata in una sanguinaria guerra civile che conta ad oggi più di 400.000 morti, 4 milioni di rifugiati, 10 milioni di sfollati, decine di migliaia di detenuti e scomparsi nel nulla, 500.000 assediati e 4,6 milioni di persone in zone di difficile accesso. La resa dei conti tra rivoluzione e controrivoluzione non poteva assumere una forma più brutale di come sia avvenuto in Siria. Questo è il segno dei nostri tempi.
I principali responsabili di questa catastrofe umanitaria sono Bashar Al-Assad e i suoi alleati. Le milizie libanesi degli Hezbollah, la Guardia Rivoluzionaria iraniana e, più recentemente, l'aviazione russa, che ha iniziato una campagna aerea di bombardamenti indiscriminati principalmente sopra le zone controllate dall'opposizione con l'obbiettivo di rafforzare militarmente il regime siriano. Assad ha perso ogni legittimazione a governare la sua mancanza di scrupoli è sempre più chiara di giorno in giorno. Ha represso le proteste pacifiche nel sangue, utilizzando cecchini, carri armati, armi chimiche e bombe esplosive. Sta uccidendo il suo popolo per non abbandonare il potere.
La cosiddetta “comunità internazionale” ha agito con codardia e complicità alla brutalità di Assad e dei suoi alleati. Gli stati uniti d'America hanno assunto un atteggiamento di opposizione al regime dopo che la rivoluzione era ad un punto di non ritorno, con l'obiettivo di mantenere la stabilità dell'area, la propria stabilita e l'equilibrio di potere a livello internazionale. Obama ha assistito inerte all'uso delle armi chimiche contro i civili disarmati, alle torture nelle carceri,agli assassini a sangue freddo alla luce del sole e gli assedi criminali a popolazioni intere che hanno trascorso mesi e mesi senza ricevere rifornimenti di cibo e medicinali costretti a ricorrere agli animali domestici e alle radici per non morire di fame.
Le potenze imperialiste, nel loro desiderio di mantenere il dominio strategico sul Medio Oriente, per i propri interessi economici e commerciali, hanno permesso un vero genocidio, hanno accettato tutte le condizioni imposte dalla Russia. Hanno preferito gli accordi nucleari con l'Iran, i patti politici con Israele, il commercio petrolifero con l'Arabia Saudita, a scapito di centinaia di migliaia di vite umane.  Questa è la logica che regge il sistema capitalistico nella sua egemonia mondiale.
Le potenze regionali come Turchia, Arabia Saudita, Qatar e Iran sono intervenute nel conflitto, sostenendo uno o l'altro schieramento con l'obiettivo di riequilibrare le forze nella regione. L'Arabia Saudita non vuole che cresca l'influenza dell'Iran; la Turchia vuole occupare una parte della Siria e impedire che i curdi conquistino la propria autodeterminazione nazionale; il Qatar vuole espandere il suo dominio; l'Iran non vuole perdere un'alleato nella regione. Israele teme invece che un governo indipendente in Siria, possa cambiare atteggiamento in relazione al controllo delle alture del Golan riguardo all'addomesticamento dei movimenti palestinesi e per questo preferisce lasciare le cose come stanno.
Nel conflitto stanno intervenendo pure gruppi controrivoluzionari di ideologia salafita, basata su di una lettura dogmatica del corano, come il fronte Al-Nusra e l'autodenominatosi stato islamico (ISIS). Gruppi che indipendentemente dal loro orientamento militare nei determinati momenti del conflitto, non rappresentano il vero desiderio di libertà, giustizia e uguaglianza sociale del popolo siriano. Gruppi che possono crescere ed espandersi solo con l'aiuto del regime da un lato, e con le azioni delle potenze imperialiste, Stati uniti in testa, dall'altro. Gruppi che nulla hanno a che vedere con le forme organizzative e democratiche dell'inizio della rivoluzione, i Comitati di Coordinamento Locale.
Venerdì 4 marzo è contrassegnato dal ritorno delle proteste pacifiche nelle strade di oltre 100 località in tutto il Paese. Proteste che, come dicemmo all'inizio, sollevarono ancora una volta gli slogan dei primi mesi della rivoluzione. Queste proteste mettono sicuramente a tacere quelle voci, che anche all'interno della sinistra, davano la rivoluzione per morta e sepolta. Proteste che ancora una volta riempiono il cuore di speranza, sulla possibilità di porre fine a questo regime marcio e corrotto che resiste in carica solo grazie al supporto di partner esterni.
La rivoluzione siriana è uno dei processi più profondi degli ultimi anni. Proteste di massa e comitati locali che hanno adempiuto il ruolo di organismi di doppio potere, crisi e divisione delle forze armate, guerra civile. Una rivoluzione che sta mostrando che il capitalismo non offre nessuna alternativa alle masse che sperano nella propria emancipazione.
Uno degli aspetti tragici della rivoluzione siriana è stato il ruolo pro Assad della sinistra castro-chavista. Si autodefiniscono anti-imperialisti di sinistra, ma di questo non hanno nulla. Si schierarono fin dall'inizio a fianco del dittatore che massacrava la popolazione civile, contrapponendosi al popolo che si sollevava contro la tirannia. Hanno accusato gli attivisti siriani di terrorismo, di essere agenti dell'imperialismo, di essere  integralisti islamici e altro. Questa falsa sinistra pagherà per il suo tradimento.
La rivoluzione siriana si sviluppa nel quadro di una situazione rivoluzionaria in tutto il Medio Oriente e Nord Africa. È strettamente legata alle proteste in Tunisia, gli scioperi in Egitto e Palestina, le mobilitazioni in Iraq, Libano e Turchia. Nonostante la violenza della controrivoluzione, resiste e non è stata sconfitta. I problemi che stanno alla base di questa sollevazione sono rimasti o si sono moltiplicati. Povertà. disoccupazione, mancanza di servizi pubblici, l'occupazione sionista, una dittatura abominevole, etc.
Il cessate il fuoco siglato tra USA e Russia è dato dal contesto di una situazione che diventa sempre più complicata in Medio Oriente e dalla "crisi dei rifugiati"  in Europa. L'Unione Europea mostra il suo vero volto con la sua politica di costruire muri, rafforzare le frontiere, discriminare i rifugiati e, più recentemente, ha votato una legge che prevede il rimpatrio dei rifugiati. Vuole convertire la Grecia in un grande campo di concentramento a cielo aperto. Tsipras e Syriza sono tra i  principali esecutori di questa politica che molto somiglia a quello che fecero i nazisti durante la seconda guerra mondiale. Slovenia, Croazia e Serbia hanno cominciato ad applicare restrizioni alle frontiere, chiudendo di fatto il passaggio dalla principale rotta balcanica per i rifugiati.
Come Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale continuiamo a sostenere la rivolta delle masse siriane contro il regime oppressore di  Bashar Al-Assad. Continuiamo a credere che il compito principale sia il suo rovesciamento. Sosteniamo le masse contro l'intervento di paesi stranieri come Russia, USA, Unione Europea, Arabia Saudita, Turchia e Iran. Le rivoluzioni arabe seguono il proprio corso tra alti e bassi e noi le sosterremo fino alla vittoria!

 Viva la rivoluzione siriana!
 Per la sconfitta di Bashar Al-Assad!
 Contro lo stato islamico e l'intervento straniero!
 Per l'apertura delle frontiere dell'Unione Europea!
 Libertà per i prigionieri politici!
 
(dal sito www.litci.org, traduzione di Max Dancelli dalla versione in spagnolo)
 
 
 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 54
  progetto 54
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n8
 
  troskismo 8


Milano 16 aprile
assemblea 16 aprile corretta
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Tesseramento

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2016

SALERNO 8 APRILE
locandina salerno 8 aprile
 



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.