Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Gli assassini di Giulio e i loro complici PDF Stampa E-mail
giovedì 11 febbraio 2016

Egitto

Gli assassini di Giulio

e i loro complici

 

 

di Francesco Ricci

giulio

 

 

Giulio Regeni non è morto in un incidente o colpito da rapinatori, come inizialmente il governo egiziano voleva far credere. Come tutte le più serie inchieste giornalistiche stanno dimostrando, è stato arrestato e ucciso dagli apparati repressivi della dittatura militare egiziana del generale al-Sisi.

Probabilmente i suoi assassini pensavano che Giulio potesse avere informazioni sugli attivisti, per cui simpatizzava, che continuano la lotta per la rivoluzione egiziana, battendosi contro il regime dei generali.
Non sappiamo ancora quale organo repressivo abbia torturato Giulio per ore, rompendogli le ossa e infine spaccandogli il collo. Non sappiamo nemmeno chi abbia dato l'ordine: se sia venuto dall'alto o, più probabilmente, se sia stato il prodotto dello zelo di qualche ufficiale di quelle bande armate che difendono lo Stato egiziano e, con esso, gli interessi dell'imperialismo, delle multinazionali.

Sappiamo però altre cose. Sappiamo che sono migliaia le vittime del regime: giovani arrestati, torturati, fatti sparire nel silenzio. Sappiamo che ciò non è dovuto, come scrive qualche giornale, ad apparati "deviati": ma appunto al "normale" lavoro con cui lo Stato egiziano si difende dagli operai, dai sindacalisti, dai giovani che lottano.
Ma sappiamo anche qualcosa in più. Sappiamo che la responsabilità per l'assassinio di Giulio non ricade solo sull'atroce regime egiziano. Complice è il governo Renzi, il cui ministro degli Esteri Gentiloni dichiara proprio in queste ore che "l'Egitto è un nostro partner strategico". Alludendo agli affari che la borghesia imperialista italiana fa in tutto il Nord Africa e Medio Oriente. Affari difesi dalle missioni militari (o di polizia) che il governo sostiene in tanti Paesi e che in vari casi continua ad incrementare, come è il caso dell'Irak, dove l'Italia è il secondo esercito occupante, dopo gli Usa, e dove il governo Renzi sta inviando altre truppe.
I complici dell'assassinio di Giulio sono i governi imperialisti che armano e sostengono il regime per opprimere le masse egiziane e saccheggiare le enormi risorse naturali di quel Paese.

Per questo la vera giustizia per Giulio non potrà che venire dallo sviluppo delle mobilitazioni operaie e studentesche in Egitto, che continuano in questi mesi, pur nel silenzio della stampa internazionale, e che stanno producendo una nuova ondata di scioperi operai nella regione industriale di El-Mahalla, nella zona del Canale di Suez, e in altre parti del Paese. E giustizia verrà dalla lotta che sapremo condurre noi che viviamo nei Paesi imperialisti, contro i governi - come quello Renzi - che rapinano l'Egitto, l'Irak, la Libia e oggi versano lacrime di coccodrillo per la morte di Giulio, un ragazzo morto perché credeva in un mondo migliore.

 

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 16-19 GIUGNO
volantinofesta2016_a6_fronte
 

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 54
  progetto 54
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n8
 
  troskismo 8


Milano 16 aprile
assemblea 16 aprile corretta
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Tesseramento

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2016



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.