Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Sulle manifestazioni del 16 gennaio PDF Stampa E-mail
giovedž 14 gennaio 2016

Sulle manifestazioni del 16 gennaio

No alla guerra imperialista!

Il capitalismo, questo sistema criminale che ci è indicato come l’unico sistema possibile, ha bisogno della guerra per sopravvivere e non esiste nessuna possibilità di sconfiggere per sempre la guerra imperialista se non si sconfigge il capitalismo. “La guerra è un gigantesco affare commerciale, soprattutto per l’industria bellica” e l’unica potente arma che potrà sconfiggerla per sempre può essere cercata solo nell’unità della classe lavoratrice di tutto il mondo. I lavoratori e tutti popoli oppressi, anziché identificarsi nelle ragioni e negli interessi nazionalisti di questo o quel Paese (che non sono altro che gli interessi privati di un gruppo di capitalisti che difendono i loro forzieri e i loro profitti attraverso le istituzioni dello Stato borghese), nelle ragioni di questa o quella religione, hanno la necessità di salvaguardare la difesa degli interessi della propria classe che è internazionale, di abbattere le frontiere degli Stati nazionali, di un programma politico che si ponga l’obiettivo di rovesciare il capitalismo e sostituirlo con un sistema economico che abbia come obiettivo la socializzazione dei mezzi di produzione e la distribuzione della ricchezza.

 

Quello che ci unisce

Rispondiamo con convinzione all’appello di manifestare contro la guerra imperialista, per il ritiro delle truppe e l’annullamento di tutte le missioni militari italiane nei scenari di guerra, per la cancellazione dell’acquisto degli F35, il taglio delle spese militari, la fine dello sporco commercio delle armi, per  la fine dei bombardamenti, dell’ingerenza esterna e dell’ipocrita esportazione della democrazia, per la fine della Nato, per l’autodeterminazione per il popolo palestinese e curdo, per l’accoglienza e la dignità dei rifugiati e degli immigrati.

 

Quello che ci divide

Ma non siamo d’accordo, come si chiede nell’appello, a porre le speranze in un “confronto politico che porti ad un accordo tra tutti gli stati coinvolti nella guerra in Medio Oriente” per sconfiggere il terrorismo Isis. Non si può consegnare la lotta contro l’Isis agli stessi Stati che sono il braccio armato dei vari imperialismi contro i popoli del Medio Oriente e che hanno creato le condizioni, attraverso le loro politiche di rapina, alla nascita e all’affermazione dell’Isis. Inoltre pensiamo che non si debba appoggiare, né direttamente né indirettamente, la politica di potenza della Russia nella regione.

Nessun “accordo” fra  gli Stati coinvolti nella guerra potrà essere vantaggioso per il popolo siriano  o per qualsiasi popolo del Medio Oriente  cui i governi locali e le “bombe “amiche” hanno tolto la speranza di un futuro. Il genere di “accordi” citati nell’appello della manifestazione non potranno mai avere come obiettivo quello di rispondere alle esigenze democratiche ed economiche delle masse. Qualsiasi soluzione “dall’alto” sarà sempre un perpetuare l’essenza degli attuali sistemi corrotti antidemocratici.

 

Non riponiamo nessuna fiducia in nessun Stato attualmente al potere e in nessuna negoziazione, non rinunciamo all’indipendenza di classe, rifiutiamo il punto di vista stalinista che piega gli interessi di classe agli interessi nazionali, manifestiamo contro la guerra con queste parole d’ordine:

  • Fine della Nato!
  • Accoglienza e dignità per i rifugiati e i migranti!
  • Per la distruzione dello Stato sionista di Israele! Per una Palestina libera, laica e antirazzista!
  • No all’Europa dell’euro e delle banche. Per la Federazione degli Stati socialisti d’Europa!
  • No ai bombardamenti della Russia, degli Usa e della Francia in Siria! No alle unità speciali Usa sul suolo siriano!
  • Per la sconfitta di Assad, dell’imperialismo e dell’Isis! Per la vittoria delle forze ribelli siriane!

 

 
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 16-19 GIUGNO
volantinofesta2016_a6_fronte
 

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 58
  57
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n8
 
  troskismo 8


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Tesseramento

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2016

Abbiamo 1 visitatore online


Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.