Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bologna respinge la Lega e i fascisti PDF Stampa E-mail
mercoledž 11 novembre 2015

Bologna respinge la Lega e i fascisti

L'8 novembre, studenti e studentesse, lavoratrici e lavoratori, precari e disoccupati hanno respinto l’invasione leghista manifestando in migliaia da mattina a sera per tutta la città. Si è trattata di una forte risposta popolare contro la provocazione di Salvini, una provocazione numericamente poco riuscita (aldilà dei centomila decantati dalla Lega).

I due cortei, partiti alle 11, dal Ponte di Stalingrado e da Piazza XX settembre, hanno attraversato la città, esprimendo una forte e chiara opposizione al populismo reazionario dei Salvini, Berlusconi e Meloni. La polizia ha cercato di reprimere brutalmente le manifestazioni, in particolare caricando pesantemente per sette volte il corteo del Ponte di Stalingrado, dove ci sono stati diversi contusi, e respingendo manganelli alla mano l’altro corteo venuto a soccorrere il primo.
I Giovani comunisti rivoluzionari, presenti nella mobilitazione di ieri, esprimono la massima solidarietà a tutti i manifestanti rimasti feriti e fermati dalla polizia, ribadendo che solo con la lotta si possono respingere i nuovi progetti populisti messi in campo dalla destra e le politiche del governo Renzi che attaccano diritti e condizioni materiali di classe lavoratrice e nuove generazioni. Ma questa lotta dev’essere unitaria e con chiare parole d’ordine anticapitaliste, pena la riduzione dello scontro ad una inutile e dannosa estetica del conflitto che, nel breve come nel lungo periodo, non può che rafforzare le posizioni dell’avversario. Se non c’è una prospettiva anticapitalistica nell’unità delle lotte, anche i più decisi conflitti che metteremo in campo finiranno per essere sconfitti.

Non rinunciando a esprimere le nostre posizioni politiche in merito a quelli che consideriamo i limiti in generale degli ultimi movimenti di lotta in Italia, assenza di prospettiva e conflitto fine a se stesso, ribadiamo che saremo sempre al fianco di chi lotta per un futuro migliore e contro i rigurgiti di fascismo che, in tempo di crisi economica, ritornano a infestare le strade delle nostre città. Ora e sempre resistenza.

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

CREMONA 16-19 GIUGNO
volantinofesta2016_a6_fronte
 

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 58
  57
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n8
 
  troskismo 8


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

Tesseramento

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2016



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.