Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
GIOVANI DI ALTERNATIVA
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Bologna respinge la Lega e i fascisti PDF Stampa E-mail
mercoledž 11 novembre 2015

Bologna respinge la Lega e i fascisti

L'8 novembre, studenti e studentesse, lavoratrici e lavoratori, precari e disoccupati hanno respinto l’invasione leghista manifestando in migliaia da mattina a sera per tutta la città. Si è trattata di una forte risposta popolare contro la provocazione di Salvini, una provocazione numericamente poco riuscita (aldilà dei centomila decantati dalla Lega).

I due cortei, partiti alle 11, dal Ponte di Stalingrado e da Piazza XX settembre, hanno attraversato la città, esprimendo una forte e chiara opposizione al populismo reazionario dei Salvini, Berlusconi e Meloni. La polizia ha cercato di reprimere brutalmente le manifestazioni, in particolare caricando pesantemente per sette volte il corteo del Ponte di Stalingrado, dove ci sono stati diversi contusi, e respingendo manganelli alla mano l’altro corteo venuto a soccorrere il primo.
I Giovani comunisti rivoluzionari, presenti nella mobilitazione di ieri, esprimono la massima solidarietà a tutti i manifestanti rimasti feriti e fermati dalla polizia, ribadendo che solo con la lotta si possono respingere i nuovi progetti populisti messi in campo dalla destra e le politiche del governo Renzi che attaccano diritti e condizioni materiali di classe lavoratrice e nuove generazioni. Ma questa lotta dev’essere unitaria e con chiare parole d’ordine anticapitaliste, pena la riduzione dello scontro ad una inutile e dannosa estetica del conflitto che, nel breve come nel lungo periodo, non può che rafforzare le posizioni dell’avversario. Se non c’è una prospettiva anticapitalistica nell’unità delle lotte, anche i più decisi conflitti che metteremo in campo finiranno per essere sconfitti.

Non rinunciando a esprimere le nostre posizioni politiche in merito a quelli che consideriamo i limiti in generale degli ultimi movimenti di lotta in Italia, assenza di prospettiva e conflitto fine a se stesso, ribadiamo che saremo sempre al fianco di chi lotta per un futuro migliore e contro i rigurgiti di fascismo che, in tempo di crisi economica, ritornano a infestare le strade delle nostre città. Ora e sempre resistenza.

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 60
 progcomun60
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n8
 
  troskismo 8


TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione

campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.