Partito di Alternativa Comunista
Logo
Menu principale
Home Page
Politica italiana
Politica internazionale
Sindacato
Notizie locali
Progetto Comunista
Trotskismo oggi
teoria e formazione
Appuntamenti
Per ricevere le circolari
Per contattarci
Link
Fotografie
Lotte Immigrati
Chi siamo
Archivio Leon Trotsky
 
 
archivio trotsky

Simbolo del Partito di Alternativa Comunista

simbolo_pdac 

  simbolopermodulo

 

Documenti da scaricare


sindacato e lavoro
 
 
 
  
 
Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale
logo lit-ci

Operai di Terni PDF Stampa E-mail
giovedě 30 ottobre 2014

Operai di Terni

Il governo manganella gli operai

Rispondiamo con lo sciopero generale!

Dopo Torino, Roma. Davanti a imponenti manifestazioni di lavoratori che si mobilitano per difendere il loro posto di lavoro, il loro salario, la loro dignità, il governo del “cambio verso” risponde come sempre: con una durissima repressione poliziesca. Non dobbiamo stupirci. Davanti alla possibilità concreta di un’ascesa delle lotte nelle prossime settimane, causate dal perdurare della crisi economica e dall’impossibilità da parte dell’esecutivo che risponde alle esigenze della borghesia di dare risposte che vadano incontro alle esigenze dei lavoratori, Renzi e il Pd usano l’arma della repressione.

Il tentativo è chiaro. Cercare di stroncare sul nascere ogni fiammella di esplosione sociale. In questo il centrosinistra trova imitatori oltralpe. Il governo socialista di Holland nei giorni scorsi si è reso responsabile di un omicidio di un manifestante durante gli scontri contro la costruzione di una mega diga in territorio transalpino, opera faraonica e inutile al pari della Tav e del Mose.

Davanti a questa politica violenta e criminale da parte delle classi dominanti italiane e del loro governo, non è più tempo di tentennamenti e diplomatismi. E’ necessario convocare immediatamente lo sciopero generale contro il governo del manganello, per la fine delle politiche di austerità e la cacciata di Renzi.

La violenza della polizia dimostra, se ancora ve ne fosse bisogno, da che parte stanno le cosiddette forze dell’ordine. Mentre lo scorso anno polizia e carabinieri mostravano di solidarizzare con le mobilitazioni fascisteggianti del movimento dei Forconi, di fronte a operai e studenti non usano lo stesso riguardo. Per garantire la sicurezza delle loro lotte e delle loro organizzazioni politiche e sindacali gli operai devono costituire servizi d’ordine in grado di rispondere alle aggressioni del capitale.

 

ABOLIZIONE DEL JOB ACT E DELL’ACCORDO DELLA VERGOGNA DEL 10 GENNAIO!

NO ALL’AUSTERITA’!

COSTRUIAMO UNO SCIOPERO GENERALE FINO ALLA CACCIATA DEL GOVERNO RENZI!

 

 
Articoli correlati
DONA IL TUO 5 PER MILLE ALLA ONLUS NUOVI ORIZZONTI

90063280722

per saperne di piu

clicca qui

BARI 2 DICEMBRE

A CENT'ANNI

DALLA RIVOLUZIONE RUSSA

  panpazyterra

CREMONA 28 OTT-BRESCIA 7NOV

 

DIBATTITO SULLA

RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

 

loc.28_x_sito_web

 

 

 
 
LA TV DEL PdAC
tv del pdac
 
Sottoscrizione

 Sostieni Alternativa Comunista

donando (in modo sicuro)

anche pochi euro

per aiutarci a costruire l'organizzazione

che serve per un'alternativa di società

paypall


 

Ultimi articoli
NEWS Progetto Comunista n 70
  progetto_70
  
campagna tesseramento 2017

CAMPAGNA TESSERAMENTO

2017

 
4 congresso del PdAC
 
NEWS Trotskismo Oggi n11
 
  troskismo_oggi_11


RIMINI 9-10 SETTEMBRE
locandinarimini2017_hi
TROTSKY IN LIBRERIA

 PROGRAMMA DI TRANSIZIONE

Grazie a una coedizione Massari Editore

e Progetto comunista 

programma di transizione



Sito realizzato con Joomla CMS realizzato sotto licenza GNU/GPL. Amministrazione. Sito in versione Alfa.